La rottamazione delle cartelle di pagamento

Entro il prossimo 23 gennaio 2017 è possibile presentare una apposita istanza ad Equitalia per ottenere la “rottamazione” delle cartelle di pagamento per ruoli affidati dal 2000 al 2015 compresi.

La rottamazione che prevede la cancellazione delle sanzioni, degli interessi di mora e delle altre somme aggiuntive contenute nelle cartelle di pagamento, riguarda i ruoli emessi a qualsiasi importo, a qualsiasi titolo (IVA, IRPEF ed addizionali, IRES, ICI, IMU, TASI, TARI, TOSAP, contributi previdenziali ed assistenziali…) e da qualsiasi ente (agenzia Entrate, INPS, INAIL, Comuni, città metropolitane, regioni ecc.) con alcune esclusioni, come per quanto concerne le sanzioni amministrative relative al codice della strada.

I rimanenti importi, a titolo di imposte e di altre somme dovute, possono essere pagati in unica soluzione oppure in quattro rate con termine nel 2018. La rottamazione riguarda anche eventuali ruoli per i quali è in corso una dilazione con Equitalia (purché si provveda a pagare regolarmente anche le rate dal 1° ottobre 2016 al 31 dicembre 2016) ed addirittura anche ruoli la cui dilazione è scaduta.

I ns. uffici sono a disposizione per valutare insieme l’opportunità e la convenienza di presentare per tempo l’istanza e di procedere con il pagamento del residuo ancora dovuto. Vi invitiamo quindi a prendere contatto con la ns. sede a voi più vicina, per fissare un appuntamento con i ns. esperti.