raccolta_differenziata

Cna in difesa dell’indotto Aamps: “Trattati come carne da macello”

“21 dicembre, già la data fissata per l’assemblea dei creditori sembra quasi una presa in giro, come se le ditte potessero aspettarsi un bel regalo di Natale da mettere sotto l’albero delle proprie famiglie, ma così sembra proprio non sarà, almeno da quanto si legge sulla relazione del commissario giudiziale Fabio Serini, che evidenzia fattori su cui Cna ha da sempre suonato l’allarme” è quanto afferma il direttore della Cna Marco Valtriani che sottolinea nuovamente le pesanti incognite che la scelta del concordato sta ponendo alle aziende.

“L’amministrazione comunale ha voluto testardamente imboccare la strada più rischiosa per le aziende creditrici, promettendo loro percentuali di pagamento da favola: tutti speriamo nel lieto fine, ma la realtà si sta dipingendo molto diversa dalla fantasia contabile e si sta trasformando in un incubo. La relazione giudiziale è zeppa di incognite per la regolare continuazione dell’attività da parte di Aamps per l’intera durata quinquennale del piano, in stretta correlazione al conferimento o meno in RetiAmbiente ed alla compatibilità o meno del piano concordatario stesso con il business plan della società mista. La parola fallimento – aggiunge Valtriani – risuona più volte nella relazione come diversamente non potrebbe essere viste le premesse, ed allora torniamo a chiedere: è questo il punto dove realmente l’amministrazione comunale voleva arrivare? Far decretare Aamps fallita? Passare il cerino in mano a qualcun altro? Si vuole che le aziende credano in qualcosa che nessuno sembra in grado di certificare come fattibile e sostenibile? Sia il sindaco – conclude Valtriani – a fugare ogni dubbio a quelle aziende che da anni, responsabilmente ma molto onerosamente, hanno evitato a Livorno una vera emergenza spazzatura”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *