Vertenza CNA code ai gate portuali: primo incontro con l’Authority

Il presidente dell’AdSP, Luciano Guerrieri, ha aperto un tavolo per affrontare, e risolvere quanto prima, le criticità riscontrate nei giorni scorsi da Cna Trasporti in merito alle lunghe code davanti ai varchi portuali di Livorno.

I vertici della Port Authority (presenti anche i dirigenti Demanio e Sicurezza dell’Ente) hanno ricevuto una delegazione di CNA composta dal direttore Dario Talini, da Massimo Angioli e Alessandro Longobardi per CNA Trasporti ed è stato fatto il punto della situazione sui problemi che stanno ultimamente compromettendo l’operatività dei terminal portuali, danneggiando pesantemente le imprese di autotrasporto.

Nel corso della riunione sono state esaminate le soluzioni percorribili sull’efficientamento dei tempi di sosta in porto e in generale sull’efficientamento della gestione degli spazi in banchina. «Ci faremo parte attiva affinché siano risolte le questioni operative e logistiche che ostacolano il lavoro degli autotrasportatori» ha dichiarato Guerrieri, che ha chiesto un’azione sinergica e coordinata di Istituzioni e cluster marittimo.

Tra i problemi segnalati sia quelli relativi all’orario di chiusura dei terminal esterni per la riconsegna dei container vuoti che quelli riguardanti lo scarico dei container pieni quando il terminalista non è in grado di riceverli: «Sono tutti temi su cui sarà necessaria un’azione di coordinamento che coinvolga anche terminalisti, spedizionieri e agenzie marittime” ha sottolineato Guerrieri. «Lavoreremo con l’obiettivo di garantire un efficientamento delle attività logistiche, anche valutando la possibilità di introdurre nuove tecnologie che migliorino la programmazione della consegna della merce. Dovremo inoltre impegnarci per trovare nuove aree di sosta attrezzate in porto per gli autotrasportatori, comprensive di servizi igienici».

«Prendiamo atto positivamente degli impegni presi dal presidente Guerrieri – ha commentato Dario Talini di CNA – per affrontare da subito la situazione. La tensione nella categoria è molto forte. I problemi sono tanti e diffusi fra i vari terminal, ma siamo convinti che già a breve termine possano essere introdotti miglioramenti, lavorando al contempo su soluzioni strutturali ed operative a medio termine. E’ una questione di sopravvivenza e di rispetto delle imprese di autotrasporto che sono un anello indispensabile per la logistica portuale».

Il prossimo 13 luglio, l’AdSP convocherà al tavolo i terminal portuali e quelli esterni, insieme agli altri soggetti coinvolti, per affrontare la questione degli orari di operatività e definire con CNA più in dettaglio le possibili soluzioni. Nel frattempo condurrà approfondimenti sulle aree, compreso l’Interporto.

Intanto l’Associazione coinvolgerà nei prossimi giorni anche le altre Istituzioni, a partire dal Comune.