servciv

Servizio Civile in Cna Livorno: pubblicate le graduatorie

Sono state pubblicate sul sito www.impresasensibile.cna.it le graduatorie per le selezioni dei volontari del Servizio Civile Nazionale che entreranno a breve in servizio nelle sedi di Livorno, Cecina e Portoferraio. Due i progetti che partiranno, uno sull’assistenza e l’informazione ai cittadini, soprattutto anziani, l’altro sulla sensibilizzazione alla sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

CNA Livorno

Parcheggi indispensabili per l’economia turistica di Marina: incontro di verifica con l’amministrazione Lippi sui progetti in corso

“La CNA della Val di Cecina ritiene che la realizzazione di ulteriori parcheggi a Marina di Cecina sia un elemento indispensabile per poter accompagnare le infrastrutture fatte o da completare come il Viale della Vittoria, il progetto antierosione o il porto turistico e che possono sostenere il turismo della città con maggiore qualità dei servizi offerti ai turisti che ogni anno affollano le spiagge in misura sempre più numerosa, alimentando l’economia dell’intera costa”: è il giudizio espresso dal presidente Danilo Marzini in seguito all’incontro avuto con l’assessore Paolo Biasci e che era stato richiesto dalla presidenza di zona per avere delucidazioni sull’iter dei vari interventi urbanistici in corso e sulla prosecuzione delle linee di mandato.

“L’occasione offerta dall’impresa che si è dichiarata disponibile ad un progetto per realizzare 3 piani di parcheggi per un aumento totale di oltre 300 posti auto – afferma Marzini – va assolutamente colta. Abbiamo invitato la Giunta Comunale a non mollare l’opportunità. Va comunque tenuto conto delle controversie nate e delle altre considerazioni sorte nel pubblico incontro svoltosi recentemente a Marina. Se ci fossero soluzioni in merito ritenute migliori urbanisticamente e con maggiore consenso diffuso, vanno certamente approfondite, restando ferma la necessità di aumentare la disponibilità di parcheggi per migliorare l’offerta turistica. In mancanza di alternative – aggiunge Marzini – è per noi preferibile la realizzazione di altri 2 piani di posti auto in un parcheggio peraltro già esistente”. Il giudizio della presidenza di Cna Val di Cecina sull’operato dell’amministrazione Lippi è ampiamente positivo sia nelle azioni fatte ed in corso per migliorare l’economia turistica del proprio comune, sia per gli interventi svolti per migliorare la qualità degli edifici scolastici, rendendo sicure le strutture, sia per l’aver creato lavoro coinvolgendo le imprese locali e dando ossigeno a tante famiglie: “Sicuramente c’è da fare molto ancora, ma il percorso sembra quello più giusto. Un ultimo punto a favore va al coinvolgimento: questa amministrazione non decide da sola, ma coinvolge sempre tutti i soggetti economici del territorio, come dovrebbe essere sempre fatto da tutte le amministrazioni locali”.

Cecina, 14 novembre 2016

raccolta_differenziata

Cna in difesa dell’indotto Aamps: “Trattati come carne da macello”

“21 dicembre, già la data fissata per l’assemblea dei creditori sembra quasi una presa in giro, come se le ditte potessero aspettarsi un bel regalo di Natale da mettere sotto l’albero delle proprie famiglie, ma così sembra proprio non sarà, almeno da quanto si legge sulla relazione del commissario giudiziale Fabio Serini, che evidenzia fattori su cui Cna ha da sempre suonato l’allarme” è quanto afferma il direttore della Cna Marco Valtriani che sottolinea nuovamente le pesanti incognite che la scelta del concordato sta ponendo alle aziende.

“L’amministrazione comunale ha voluto testardamente imboccare la strada più rischiosa per le aziende creditrici, promettendo loro percentuali di pagamento da favola: tutti speriamo nel lieto fine, ma la realtà si sta dipingendo molto diversa dalla fantasia contabile e si sta trasformando in un incubo. La relazione giudiziale è zeppa di incognite per la regolare continuazione dell’attività da parte di Aamps per l’intera durata quinquennale del piano, in stretta correlazione al conferimento o meno in RetiAmbiente ed alla compatibilità o meno del piano concordatario stesso con il business plan della società mista. La parola fallimento – aggiunge Valtriani – risuona più volte nella relazione come diversamente non potrebbe essere viste le premesse, ed allora torniamo a chiedere: è questo il punto dove realmente l’amministrazione comunale voleva arrivare? Far decretare Aamps fallita? Passare il cerino in mano a qualcun altro? Si vuole che le aziende credano in qualcosa che nessuno sembra in grado di certificare come fattibile e sostenibile? Sia il sindaco – conclude Valtriani – a fugare ogni dubbio a quelle aziende che da anni, responsabilmente ma molto onerosamente, hanno evitato a Livorno una vera emergenza spazzatura”.

cad400x400

Corso gratuito CAD 2D e 3D per under 29: scadenza domande il 18 novembre

E’ stato presentato in anteprima al Centro per l’Impiego di Cecina il bando per l’accesso al corso CAD 2D e 3D.
Il corso è gratuito ed aperto ai giovani sotto i 29 anni iscritti a Garanzia Giovani ed in possesso di un diploma di scuola media superiore. A seguito di un esame finale, permette il conseguimento dell’attestato di qualifica. Scadenza domande il 18 novembre.
Tutta la documentazione è scaricabile dal sito www.cnaservizi.org.

DURATA
600 ORE (360 ore di aula, 30 ore di accompagnamento e 210 ore di stage)
Sono previste anche 16 ore aggiuntive di formazione teorico pratica sulla sicurezza.
Il corso si terrà nel periodo: novembre 2016 – settembre 2017

PER N 10 ALLIEVI di cui almeno il 50% donne

SEDE DI SVOLGIMENTO DEL CORSO
CNA SERVIZI SOC. COOP. Via M.L.King 15 57128 LIVORNO

TERMINE PRESENTAZIONE DOMANDE: 18/11/2016

REQUISITI MINIMI DI ACCESSO
• essere residenti in Italia
• avere età compresa tra i 18 e i 29 anni al momento della registrazione al portale Garanzia Giovani
• non avere in essere alcun contratto di lavoro, non frequentare un regolare corso di studi (secondari superiori o universitari) o di formazione. Il requisito deve essere posseduto per tutta la durata del percorso.
• avere aderito a Garanzia Giovani, registrandosi al portale ed avendo fatto un primo colloquio presso il Centro per l’Impiego prescelto ed avendo sottoscritto il Patto di Attivazione con il medesimo Centro per l’Impiego
• possedere un Titolo di istruzione secondaria superiore o almeno 3 anni di esperienza lavorativa nell’attività professionale di riferimento

DOCUMENTI RICHIESTI PER L’ISCRIZIONE:
• Domanda di Partecipazione su format regionale scaricabile dal sito dell’Agenzia (www.ifoa.it) o reperibile presso i punti di contatto della CNA della provincia di Livorno (vedi par. Informazioni)
• Copia documento d’identità in corso di validità
• Copia della sottoscrizione del Patto di attivazione con il Centro per l’impiego dell’area provinciale prescelta e il possesso dei requisiti d’ingresso previsti dalla DGR 532/09 e smi
• Scheda anagrafica rilasciata dal CPI e/o autocertificazione attestante l’assenza di contratto di lavoro e la non frequenza di un regolare corso di studi / corso di formazione
• Copia del titolo di studio o autocertificazione/ autocertificazione dell’esperienza superiore a tre anni maturata nel ruolo
• Curriculum vitae redatto in formato europeo
• Per i cittadini non comunitari: Dichiarazione di valore e di efficacia del titolo di studio e permesso di soggiorno

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:
Le domande potranno essere consegnate dal 13/10/2016 al 18/11/2016 :
• a mano c/o CNA SERVIZI SOC. COOP. – Via M.L.King 15 57128 LIVORNO
• tramite raccomandata A/R a IFOA TOSCANA – Via Leoncavallo 15/3 50127 Firenze
Il soggetto che invia la domanda per posta è responsabile del suo arrivo all’Agenzia formativa entro la scadenza sopra indicata. Non fa fede il timbro postale
• tramite fax: 055/331583

MODALITA’ DI SELEZIONE
Una volta effettuato lo screening delle candidature, qualora il numero dei candidati in possesso dei requisiti richiesti fosse superiore di oltre il 20% al numero di posti disponibili saranno effettuate le seguenti prove di selezione:
• prova attitudinale: test specifici scelti sulla base delle attitudini significative per il ruolo con la diretta partecipazione di consulenti esterni
• prova tecnica: test scritti a risposta chiusa per valutare le conoscenze base di strumenti di disegno e lingua inglese
• colloquio individuale su griglia strutturata

Le informazioni riguardanti la data, l’ora e il luogo di svolgimento delle prove di selezione saranno comunicate in forma scritta almeno 5 giorni lavorativi prima dello svolgimento della prima prova di selezione
La graduatoria finale sarà redatta secondo i seguenti criteri:
• maggior punteggio complessivo ottenuto nelle prove di selezione
• almeno il 50% dei partecipanti donne
A parità di punteggio sarà data la precedenza alla minore età.
L’esito della graduatoria sarà comunicato in forma scritta a ciascun candidato.

PROVE FINALI E MODALITA’ DI SVOLGIMENTO
Al fine di verificare il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento è prevista la realizzazione di prove di verifica che saranno somministrate dopo la conclusione di ogni unità formativa. Le verifiche contribuiranno a determinare la valutazione di ammissione all’esame finale
Per l’ammissione all’esame finale è necessaria la frequenza di almeno il 70% delle ore previste di cui almeno il 50% delle ore di stage.
L’esame finale sarà articolato su 3 prove:
• Prova Scritta – Test
• Prova Pratica – Realizzazione di un progetto con l’utilizzo del PC
• Prova Orale

MODALITA’ RICONOSCIMENTO CREDITI
I crediti formativi saranno riconosciuti su richiesta dell’interessato e sulla base di dati oggettivi ovvero solo se trattasi di competenze già certificate/attestate e dimostrate attraverso documentazione formale e comunque nel rispetto di quanto previsto dalla DGR 532/09 e s.m.i.

CERTIFICAZIONE
• Attestato di qualifica di “Tecnico del disegno di prodotti industriali attraverso l’utilizzo di tecnologie informatiche” (345) a seguito di superamento esame finale
• Certificazione di Competenze in caso di superamento parziale dell’esame finale (possesso solo di alcune delle Unità di Competenze che compongono la figura di riferimento);
• Attestato di frequenza relativo “Sicurezza sul lavoro: Formazione Generale e specifica dei lavoratori a rischio basso” (conforme a quanto previsto all’Accordo Stato Regioni in vigore dal 26/01/12), a seguito di frequenza alle relative ore di aula e superamento del test
• Dichiarazione degli apprendimenti, se richiesta dall’allievo in caso di non superamento dell’esame finale o in caso di interruzione del percorso formativo.

IL CORSO E’ COMPLETAMENTE GRATUITO

img_20161015_091658

Nuovo sito Cna Livorno con Crescere in Digitale

Eccolo, state vedendo il nuovo sito di Cna Livorno, un portale di informazione per tutte le imprese, in cui trovare le notizie utili alla vita di un’azienda in un’economia sempre più complessa ed in un territorio che risente ancora fortemente della crisi economica.

In questo panorama essere informati delle opportunità, delle scadenze, degli adempimenti e delle variazioni normative che riguardano la propria attività e non solo, è di vitale importanza.

Per questo Cna Livorno, con il contributo della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, ha realizzato questo strumento con una impostazione tecnologica facilmente navigabile sia da fisso che da mobile, con ampie possibilità di approfondimenti su varie tematiche in pochi clic.

Le notizie sono divise in varie categorie: Fisco News, Opportunità per le imprese, Normative, Ultime Notizie, Marketing e Comunicazione, Comunicati Stampa, Servizi… ed altre che verranno.

Alla realizzazione sta contribuendo (perchè un portale non smette mai di innovarsi) anche una stagista del progetto Crescere in Digitale cui il Sistema Cna ha aderito, la dottoressa Irene Pagano; si tratta di un progetto che forma professionalmente le nuove generazioni affinchè siano utili alle imprese nello sviluppare la propria presenza sul web, cogliendone le enormi potenzialità: sei mesi di stage in cui dare una “accelerazione digitale” alla propria attività.

Benvenuti dunque e… tornate a trovarci!

caldaie500x500

Cna risponde alla polemica dei consumatori sul prezzo dei controlli per la sicurezza delle caldaie

“90 euro per la sicurezza e l’efficienza di una caldaia domestica non sono assolutamente tanti e vi spieghiamo perché”. Così il responsabile regionale del settore impianti Antonio Chiappini di Cna risponde alle accuse lanciate dalle associazioni dei consumatori su Il Tirreno, relativamente a quello che è stato bollato come il “balzello dei controlli”: “Dietro quella mezzora di lavoro all’interno di un appartamento per la manutenzione periodica di una caldaia – tempo proprio minimo necessario quando va tutto davvero bene nel corso dell’intervento – ci sono molti fattori che influiscono nella determinazione del costo; anzitutto i controlli non possono essere fatti dal primo che passa, ma serve preparazione tecnica ed il continuo aggiornamento che i manutentori regolari devono svolgere per poter operare tanto sulle caldaie più vecchie che sugli ultimi modelli sempre in evoluzione; c’è il tempo per la parte burocratica che l’azienda deve svolgere in ufficio al termine dell’intervento per trasmettere agli enti i dati delle certificazioni eseguite; ci sono i tempi di spostamento e tutti gli oneri per la regolarità del lavoro del personale tecnico; ma soprattutto c’è l’enorme responsabilità che le ditte si assumono nel certificare l’idoneità dell’impianto non solo come efficiente ma sicuro”. “E’ proprio su questo aspetto  – aggiunge Dario Talini coordinatore degli impiantisti di Livorno – che le associazioni dei consumatori si dovrebbero concentrare, per non trovarsi a piangere e a cercare responsabilità nelle paginate dei giornali quando le caldaie si trasformano in killer silenziosi o in bombe devastanti; perché è solo allora che ci si ricorda dell’importanza di svolgere controlli attenti, scrupolosi, puntuali e periodici sugli impianti da parte di tecnici abilitati.

In questi anni in cui in molti comuni sono stati fatti programmi intensivi di controlli, la sicurezza nelle case è aumentata ed il numero degli incidenti è sceso enormemente. Sulla periodicità degli stessi sono le case costruttrici a dettare legge, ma dove queste non si pronuncino, prudenza vuole che l’impianto sia manutenuto con cadenza annuale. E la cifra media richiesta dai manutentori è rimasta da anni la stessa, nonostante i costi aziendali siano tutti in aumento. Manca purtroppo invece la cultura della prevenzione, fattore di cui in Italia ci si ricorda solo al momento delle tragedie”.

foto_vicepresidentericci-583x583

Alberto Ricci eletto Vice Presidente della Cciaa nella prima riunione della nuova Giunta

Si è svolta nella sede di Grosseto, la prima riunione della Giunta della Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno.

Si tratta della prima riunione operativa per l’organo esecutivo della nuova Camera, che – lo ricordiamo – è formata da 8 componenti e dal Presidente Riccardo Breda, ed è stata eletta dal Consiglio camerale lo scorso 26 settembre.

All’ordine del giorno della Giunta i primi provvedimenti organizzativi e l’elezione del Vice Presidente.

Su indicazione del Presidente e con il voto palese di tutta la Giunta è stato nominato Alberto Ricci, 57 anni, imprenditore nel settore costruzioni e metalmeccanica, presidente di Confindustria Livorno – Massa Carrara.

“Ringrazio i colleghi per l’attestazione di stima – ha detto il Vice Presidente -. Il percorso da compiere è impegnativo, sia per la riforma del sistema camerale in itinere, sia per la recente fusione delle due Camere di Commercio di Livorno e Grosseto. C’è bisogno – ha concluso Ricci – del lavoro e della collaborazione di tutti per portare questo percorso a buon fine”.

Al Vice Presidente vanno gli auguri di buon lavoro dalla Cna.

2016_amatrice_earthquake

Terremoto: aiutiamo anche le imprese. Raccolta di Cna per risollevare l’economia

La CNA Nazionale invita tutte le sue strutture, i gruppi dirigenti, gli imprenditori e il personale a far pervenire il proprio contributo per aiutare gli attori del sistema produttivo e della CNA, messi in ginocchio dal terribile terremoto che ha colpito l’Italia centrale. A tal fine ha aperto un conto corrente bancario sul quale far convergere i contributi economici per aiutare le sedi locali della Confederazione e l’intero sistema delle imprese iscritte nelle province terremotate del Lazio, delle Marche, dell’Umbria e dell’Abruzzo.

Il conto corrente, intestato a CNA NAZIONALE, è il numero 1105, aperto presso Unipol Banca – Filiale 157 Roma – Iban IT18W0312705011000000001105 – con causale “Emergenza imprese terremoto 2016”.

Nel frattempo CNA Nazionale ha attivato contatti con i gruppi dirigenti locali per far sentire concretamente la propria solidarietà, intervenendo nelle sedi istituzionali per ottenere ogni forma di sospensione e di agevolazione, e per consentire un intervento a favore di lavoratori e imprese.

voucher

Voucher – nuovi obblighi di comunicazione in vigore dall’8 ottobre

A decorrere dall’8 ottobre 2016, i committenti imprenditori, anche agricoli, e i professionisti che intendono ricorrere alle prestazioni di lavoro accessorio (buoni lavoro o voucher), sono tenuti ad effettuare almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione, i seguenti adempimenti:

  • inoltrare l’allegata comunicazione di attivazione dei buoni alla Direzione Territoriale del lavoro competente (D.T.L.), tramite posta elettronica certificata se possibile;
  • attivare i buoni tramite la consueta procedura on-line dell’INPS o call-center.

Nella comunicazione alla D.T.L. che andrà inoltrata all’indirizzo di posta elettronica vanno indicati:

  • i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore
  • il luogo dove avverrà la prestazione
  • il giorno, l’ora di inizio e di fine della prestazione

In caso di violazioni inerenti i suddetti obblighi di comunicazione, è prevista l’applicazione della sanzione da 400 a 2.400 euro (con un minimo effettivo di 800 euro), in relazione a ciascun lavoratore per cui è stata omessa la comunicazione.

I nostri uffici sono a disposizione per fornire ogni ulteriore indicazione nel merito.