Prevedere ristori per la zona rossa a Cecina

“Non è certamente nostra competenza entrare nel merito dell’opportunità sanitaria di aver decretato il solo comune di Cecina come zona rossa, potestà che è nelle disponibilità del sindaco in quanto primo garante della salute dei cittadini, ma è sicuramente nostra competenza chiedere che a tali decisioni facciano seguito azioni di sostegno a tutte le aziende che da tale imposizione trarranno un danno economico”. E’ quanto sostiene la presidenza della CNA della Bassa Val di Cecina, immediatamente confrontatasi sulla questione, raccogliendo il punto di vista delle imprese.

“A giudizio della presidenza CNA di zona, questo continuo cambio di colore delle regioni ed ora anche dei comuni – afferma il coordinatore Paolo Garzelli – disorienta aziende e cittadini e impedisce soprattutto alle prime di poter programmare, se non addirittura svolgere, il proprio lavoro. Il peso economico di queste operazioni ricade unicamente sulle imprese, coinvolgendo imprenditori, dipendenti e le rispettive famiglie, generando anche una disparità fra categorie di cittadini e di lavoratori che stride anche eticamente. CNA chiede che a fronte delle restrizioni che si è ritenuto necessario imporre siano disposti adeguati ristori economici: che poi vengano dal comune, dalla regione o dallo stato, deve essere la politica a deciderlo, e subito. Il criterio di erogazione sottolineiamo ancora una volta che dovrà essere non il mero codice ateco che individua la categoria soggetta alla chiusura nella zona rossa, ma il calo di fatturato, perché in queste situazioni anche chi può stare aperto subisce il più delle volte un calo di lavoro. Neanche una erogazione indifferenziata andrebbe infatti bene, proprio perché ci sono anche settori d’impresa che nella pandemia non hanno risentito o qualche caso che ne ha addirittura colto opportunità per incrementare il lavoro. Come la salute è un bene di tutti – sostiene la presidenza CNA –  anche il lavoro e la possibilità di mantenere le proprie famiglie deve esserlo. Ci aspettiamo quindi che il comune di Cecina ascolti le necessità del mondo imprenditoriale locale, facendosene interprete con le altre istituzioni e trovando il modo di intervenire in sostegno delle imprese per il bene del territorio e dei suoi cittadini”.

WeLoveModainItaly lancia la promozione digitale

CNA Federmoda, con il supporto di ICE Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane ed in collaborazione con il Consorzio Moda in Italy, ha dato vita al format WeLoveModainItaly, dedicato al settore moda.

Il format ha visto momenti espositivi realizzati in presenza (Tokyo, Maputo, Baku, Tbilisi, UlaanBaatar, Toronto e altre sedi) e la realizzazione di una pagina facebook che nel corso del 2020 è stata particolarmente utilizzata per azioni promozionali in formato digitale.

Ritenendo opportuno continuare, tramite i canali web e social, azioni volte a promuovere il Made in Italy nel mondo, CNA Federmoda intende implementare l’edizione digitale di WeLoveModainItaly e quindi rinnovarne la pagina facebook (@welovemodainitaly), per così creare nuovi ponti di comunicazione verso potenziali buyer internazionali.

Qualora interessate all’iniziativa, le aziende dovranno far pervenire alla mail valentina.bonaldi@cnalivorno.it5 foto dedicate alle collezioni moda AI 2021/2022 e loro logo in tracciati pdf o eps.
Le foto (con immagine in verticale in formato jpg 300 dpi dimensioni 13×18) non dovranno, per motivi di omogeneizzazione dell’impaginazione, riportare il brand dell’azienda che sarà pubblicizzato in maniera analoga per tutti i partecipanti.

La partecipazione è gratuita per le aziende associate CNA.

Sarà Antonio Franceschini, responsabile CNA Federmoda Nazionale, a presentare nel dettaglio il progetto WeLoveModainItaly durante il webinar gratuito su piattaforma Zoom, organizzato da CNA Federmoda Toscana. L’appuntamento è per lunedì 1 marzo 2021 alle ore 17, previa registrazione su Eventbrite.

Manutentori impianti: corso gratuito sul portale SIERT

CNA Livorno, in collaborazione con A.R.R.R., ha in programma un corso gratuito on line per gli operatori che utilizzano il portale SIERT.

Il corso si svolgerà mercoledì 24 febbraio p.v. dalle ore 9.30 alle ore 12.00.

Il corso è a numero chiuso, nel caso di esaurimento posti verrà replicato mercoledì 3 marzo con stesso orario

Di seguito scheda di iscrizione da restituire entro lunedì 22 febbraio a ilaria.niccolini@cnalivorno.it;  successivamente riceverete link di collegamento all’evento.

iscrizione corso SIERT

Di seguito i temi del corso, gratuito, che avrà una durata di circa 2h30′ :

– Analisi schede Impianto, Responsabile e Generatore del SIERT;

– Portafoglio virtuale ed acquisto bollini;

– Inserimento RCEE, procedure generali e focus su:

Funzionalità di Ricerca Codice Catasto;

Associazione impianto ditta;

Gestione responsabile impianto (inserimento, associazione e modifica); Procedura di sostituzione generatore;

– FAQ:

Codice catasto;

Quesiti ricorrenti nell’utilizzo del SIERT (modifica dati generatori ed RCEE, associazione impianti, RCEE in bozza) Gestione Bollini (acquisto, applicazione, stampa); Generatori congiunti e modulari Accertamento documentale (tiraggio, rendimento, trattamento acqua) Modulistica Il ruolo del terzo responsabile

– Strumenti informativi e di supporto all’utilizzo del SIERT

– evoluzione normativa nell’ultimo biennio

– le principali non conformità rilevate durante gli accertamenti ed ispezioni

Corso gratuito di educazione finanziaria per imprenditrici

CNA Impresa Donna ha predisposto un percorso di educazione finanziaria ed imprenditoriale per le imprenditrici in collaborazione con Unicredit Social Impact Banking e UniGens.

Il corso, gratuito per le associate CNA, avrà inizio il 16 febbraio e terminerà l’8 giugno 2021, si svolgerà sulla piattaforma formativa CNA. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza.

Per l’iscrizione scrivere a segreteria@cnalivorno.it

Scarica la presentazione ed il programma del corso.

CNA Doc_lettera presentazione formazione finanziaria

Dettaglio-Offerta formativa CNA_

Lotteria scontrini: altri costi per artigiani e commercianti

“Costi  di adeguamento del registratore di cassa, acquisto del lettore, e soprattutto le commissioni bancarie su ogni transazione effettuata con il bancomat o carta di credito” sono questi secondo Valentina Bonaldi coordinatrice di CNA Alimentare le difficoltà operative ed economiche cui devono andare incontro le imprese per permettere ai clienti di usufruire della lotteria degli scontrini.

“In questo periodo di ulteriore crisi – aggiunge Bonaldi – non era il caso di aggiungere ulteriori balzelli alle imprese. Non è giusto che i costi della lotteria siano a carico loro: fra software e hardware si parla di circa 300 euro, per i quali non è stato previsto alcun rimborso o credito d’imposta, più i costi bancari. Quando poi si tratta di microtransazioni, pensiamo ai bar, ai panifici, pasticcerie, gelaterie, pizzerie a taglio ecc. (valgono per la lotteria gli importi al di sopra di un euro) c’è da considerare anche la perdita di tempo fra un cliente e l’altro. E’ quindi necessario – conclude Bonaldi – che il governo intervenga per agevolare le imprese in questo adeguamento e soprattutto nei confronti delle banche per abbattere le commissioni sulle transazioni”.

CQC: al via le domande di contributo con CNA

CNA: in arrivo un contributo per il recupero delle spese di rinnovo della Carta di Qualificazione del Conducente

Grazie al lavoro portato avanti da CNA e dalle altre sigle sindacali di rappresentanza di aziende e lavoratori, l’Organismo Bilaterale Toscano dell’Autotrasporto (OR.BI.TA) mette sul piatto 50.000 euro con l’obiettivo di rimborsare agli autotrasportatori le spese sostenute per il rinnovo della Carta di Qualificazione del Conducente (CQC).

A tal proposito è stato pubblicato un bando con validità retroattiva a partire dal 1° luglio 2019 e fino al completo esaurimento delle risorse.

I soggetti beneficiari del contributo sono le aziende ed i dipendenti delle aziende che applicano l’Accordo Regionale Autotrasporto merci previsto dal contratto nazionale del trasporto merci e logistica rinnovato nel 2017, in regola con il sistema della bilateralità artigiana. Questi dovranno presentare ad OR.BI.T.A. l’apposita modulistica a mezzo di posta elettronica certificata.

L’aiuto sarà concesso nella forma di contributo fino ad un massimo di 200 euro per ciascun beneficiario, e sarà erogato sulla base di una graduatoria cronologica di presentazione delle domande.

Per informazioni segreteria@cnalivorno.it

siae

SIAE: pagamento slitta al 30 aprile

In considerazione del perdurare dello stato di emergenza sanitaria e dei relativi provvedimenti adottati dal Governo per il contrasto della pandemia, il termine per il rinnovo degli abbonamenti annuali  per musica d’ambiente è stato prorogato al 30 aprile 2021.

Si ricorda che per gli associati CNA sono previste riduzioni sulle tariffe. Per informazioni segreteria@cnalivorno.it

Rosignano: covid, nuovo bando per contributi a fondo perduto

Il Comune di Rosignano Marittimo ha pubblicato il bando per l’erogazione di un contributo straordinario a fondo perduto a favore delle attività produttive e dei liberi professionisti del territorio, colpiti dall’emergenza legata al Covid-19.

L’importo complessivo messo a disposizione dall’Amministrazione comunale per l’erogazione del contributo è di 304mila euro  così suddivisi :

234 mila euro per le attività produttive

70 mila per i liberi professionisti

I contributi sono  destinati alle attività che hanno subito un calo di fatturato superiore al 30% rispetto agli anni 2017-2018-2019.

L’ammontare del contributo per ogni beneficiario può variare da un importo minimo  di 500 euro, fino a un massimo di 1500 euro, sulla base delle richieste e delle risorse disponibili.

REQUISITI DI ACCESSO

Possono presentare domanda di contributo le attività produttive munite di partita IVA che alla data di presentazione della domanda di partecipazione al presente avviso, risultino in possesso dei seguenti requisiti:

  1. a) essere iscritte ed attive presso la CCIAA;
  2. b) avere un fatturato annuo o un ammontare annuo di corrispettivi non superiore a 100.000,00 L’importo deve essere determinato sulla base della media del fatturato o dei corrispettivi degli anni 2017, 2018 e 2019. Se l’impresa risulta non attiva o inattiva nel 2017, l’importo deve essere determinato sulla base della media del fatturato o dei corrispettivi del 2018 e 2019. Se l’impresa risulta non attiva o inattiva anche nel 2018, l’importo coinciderà col fatturato o l’ammontare dei corrispettivi del 2019;
  3. c) avere avuto nell’anno 2020 un calo documentabile del fatturato o dei corrispettivi pari ad almeno il 30% rispetto all’importo di cui alla lettera b);
  4. d) avere sede operativa nel territorio del Comune di Rosignano Marittimo;
  5. e) nel caso di imprese individuali il titolare non deve essere percettore di reddito pensionistico e/o da lavoro dipendente, ad eccezione di redditi non cumulabili.

Possono presentare domanda di contributo i liberi professionisti muniti di partita IVA che alla data di presentazione della domanda di partecipazione al presente avviso, risultino in possesso dei seguenti requisiti:

1) essere iscritti ed attivi presso una delle casse previdenziali ovvero alla gestione separata INPS;

2) avere un fatturato annuo non superiore a 40.000,00 euro. L’importo deve essere determinato sulla base della media del fatturato degli anni 2017, 2018 e 2019. Se il professionista non risulta iscrittoe attivo nel 2017, l’importo deve essere determinato sulla base della media del fatturato del 2018 e 2019. Se il professionista non risulta iscritto e attivo neanche nel 2018, l’importo coinciderà col fatturato del 2019;

3) avere avuto nell’anno 2020 un calo documentabile del fatturato pari ad almeno il 30% rispetto all’importo di cui al numero 2);

4) avere sede legale o domicilio fiscale nel territorio del Comune di Rosignano Marittimo;

5) non essere titolari di reddito pensionistico e/o da lavoro dipendente, ad eccezione di redditi non cumulabili.

Non possono, in ogni caso, beneficiare dei contributi di cui al presente avviso, i soggetti che non siano in regola con il DURC o con i versamenti dei contributi previdenziali. Il richiedente deve essere in regola con i versamenti dei tributi comunali alla data del 31.12.2019. Possono accedere al contributo coloro che hanno in corso la rateizzazione di un debito tributario con il Comune di Rosignano M.mo, a condizione che la stessa sia stata concessa anteriormente alla data di presentazione della domanda di partecipazione al presente avviso e che il soggetto sia in regola con tutti i versamenti previsti dalla rateizzazione

L’avviso è pubblicato sul sito istituzionale dell’ente, nella sezione “Bandi e avvisi vari”, al link: http://www.comune.rosignano.livorno.it/site5/pages/home.php?idpadre=45144

Per informazioni e assistenza sulle pratiche scrivere a credito@cnalivorno.it.

Corso montaggio e smontaggio ponteggi

CNA Servizi formazione di Livorno e CERT Cassa Edile Regionale Toscana organizzano un corso di aggiornamento per gli addetti al montaggio smontaggio e trasformazione di ponteggi che la norma prevede sia eseguito ogni 4 anni.

I corso si terrà il 23 febbraio 2021 dalle ore 9 alle ore 13 presso CNA sede di Livorno In Via M.L.King 15.

La partecipazione al corso è gratuita per le imprese aderenti alla CERT.

Per le imprese non aderenti alla Cert ma associate a CNA Livorno il prezzo è di euro 80,00 + iva a persona; per le imprese non associate a CNA Livorno il prezzo è di euro 100,00 + iva.

Scarica la scheda di preadesione da rinviare firmata alla mail cnaservizi.formazione@cnalivorno.it entro il 13 febbraio 2021.

Per maggiori informazioni contattare Caterina Molinari di  CERT al n° 3271164554 mail caterina.molinari@ctp.toscana.it  o Cecilia Nieri di CNA Servizi formazione al n° 0586815245 mail cecilia.nieri@cnalivorno.

CNA al prefetto: situazione delle aziende e sociale critica

“Salute e lavoro sono fattori entrambi essenziali, l’uno senza l’altro non basta e le amministrazioni pubbliche del territorio devono mettere in campo il massimo dello sforzo per garantire la sopravvivenza delle imprese locali”: è quanto hanno chiesto al prefetto di Livorno Paolo D’Attilio, il presidente provinciale di CNA Maurizio Serini ed il direttore Dario Talini nell’incontro chiesto dall’associazione e svoltosi in prefettura.

“Abbiamo manifestato al rappresentante locale del Governo – afferma Serini – tutta la criticità della situazione in cui versa la stragrande maggioranza delle aziende della nostra provincia per il calo di lavoro dovuto alla pandemia ed i periodi di chiusura, con settori rasi praticamente al suolo (come quelli legati al turismo), ed un impoverimento generale che a cascata interessa tutte le imprese, dai servizi alle manutenzioni, dal commercio alla somministrazione. I ristori, quando ci sono, sono assolutamente insufficienti a coprire costi e perdite. Accanto al sostegno dei ristori ci vuole lavoro per le aziende e su questo le amministrazioni pubbliche, tutte, possono molto di più anche attraverso gli affidamenti diretti alle imprese del territorio, previsti per legge”.

“Ormai la criticità è strutturale – aggiunge Talini – ed all’interno di essa dobbiamo iniziare a programmare gli interventi, per evitare di rincorrere continuamente l’emergenza; per questo abbiamo chiesto al prefetto di promuovere un tavolo di coordinamento anche sulla situazione economica affinchè ci sia una programmazione condivisa degli interventi di sostegno unendo ed indirizzando gli sforzi dei singoli comuni. Serve incisività anche sul fronte sicurezza, perché le attività commerciali e produttive sono ultimamente oggetto di molti furti complice la desertificazione da coprifuoco. Abbiamo infine chiesto al prefetto, in quanto a capo del coordinamento sul TPL in fascia scolastica, di far proseguire l’azione di controllo sul rispetto della limitazione nella capienza dei mezzi pubblici, per ridare fiducia alle famiglie nel mandare i figli a scuola attraverso di essi. Ncc auto e bus possono infatti fornire ulteriori mezzi in supporto”.