OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Piombino, prorogata scadenza domanda riduzione TOSAP

NUOVA PROROGA AL 16/11 PER LA RICHIESTA DI RIMBORSO TOSAP A PIOMBINO
Prorogata ulteriormente la scadenza per la presentazione della domanda di rimborso Tosap: grazie a questo contributo stanziato dal Comune sarà rimborsato il pagamento del suolo pubblico per tutto il 2020 a tutte le attività interessate dai provvedimenti di sospensione obbligatoria, o che l’hanno volontariamente sospesa, il cui volume d’affari medio mensile è risultato inferiore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
LA RICHIESTA DOVRÀ PERVENIRE AL COMUNE ENTRO IL 16 NOVEMBRE.
“Avevamo disposto la prima scadenza al 15 settembre – spiegano Sabrina Nigro, assessore alle Attività produttive, e Paolo Ferracci, assessore al Bilancio – poi prorogata di un mese e adesso, nuovamente, al 16 novembre. Lo stato di emergenza, purtroppo, perdura e non tutti gli operatori hanno potuto formulare la richiesta nei termini, per questo abbiamo deciso di prorogarli il più possibile così da consentire a tutte le attività di accedere al contributo erogato dal Comune. Grazie al lavoro congiunto dei due assessorati insieme alle associazioni di categoria Confesercenti, Confcommercio e Cna, abbiamo disposto ogni misura utile ad essere vicini al tessuto economico cittadino”.
ℹ️ Per informazioni rivolgesi a i numeri: 056563391 – 056563370 oppure all’indirizzo mail: tributiminori@comune.piombino.li.it.
481px-Collesalvetti_Municipio

Collesalvetti: Bando per contributi a fondo perduto causa COVID 19

CNA informa che il Comune di Collesalvetti ha pubblicato un Bando per Contributi straordinari a sostegno delle delle attività che hanno subito interruzione e/o contrazione e/o restrizione della propria attività, con conseguente danno economico, dovute all’emergenza sanitaria provocata dalla pandemia da Covid-19.

Possono partecipare:

 

  • Aziende/Imprese che rientrando negli appositi codici ATECO indicati nei decreti ministeriali emessi in fase di emergenza Covid-19, sono rimaste temporaneamente chiuse, con conseguente danno economico, con almeno una sede operativa o unità locale o produttiva nel comune di Collesalvetti.

 

  • Attività culturali e sportive, associazioni e circoli ricreativi e similari con sede operativa all’interno del comune di Collesalvetti, che hanno subito interruzione e/o contrazione e/o restrizione della propria attività (non necessaria chiusura temporanea), con conseguente danno economico, in fase di emergenza Covid-19, con almeno una sede operativa o unità locale o produttiva nel comune di Collesalvetti.

 

I suddetti soggetti alla data di presentazione della domanda di rimborso, devono essere in possesso, a pena di esclusione, dei seguenti requisiti:

 

  1. a) essere regolarmente costituite e iscritte come “attive” nel Registro delle imprese o presso altri enti o altre procedure abilitative in funzione dell’attività svolta, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge;

 

  1. b) avere almeno una sede operativa o unità locale o produttiva nel comune di Collesalvetti;

 

  1. c) essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria;

 

  1. d) abbiano un’unità di lavoro annuo (U.L.A.) uguale o minore a 15 riferito all’annualità

 

  1. e) essere in regola con i versamenti dei tributi comunali già emessi e scaduti;

 

  1. f) non aver effettuato licenziamenti di personale dipendente dalla data 01/03/2020 ad oggi;

 

  1. g) non avere ottenuto sovvenzioni ricevuto aiuti, finanziamenti e sovvenzioni superiori ad €. 800.000 (ottocentomilaeuro/00) negli ultimi tre anni;

 

  1. h) sono ammesse a partecipare le aziende/imprese, che abbiano già partecipato ai precedenti Avvisi Pubblici emessi da questo comune aventi ad oggetto “impresa sicura durante l’emergenza sanitaria covid-19” per l’accesso al rimborso parziale delle spese sostenute dalle imprese e/o aziende e/o attività economiche del territorio per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale e/o sanificazione degli ambienti e strumenti di lavoro”. 3

 

  1. i) le aziende/imprese, circoli, associazioni, ecc., che nel periodo di chiusura imposta dai provvedimenti ministeriali Covid, hanno comunque esercitato una attività in forma parziale e con limitazioni (prestazione a domicilio, ecc.), avranno un abbattimento delle U.L.A. nella misura del 50%.

 

Le domande di partecipazione alla presente procedura, redatte esclusivamente sul modello allegato all’Avviso Pubblico ed in forma di autocertificazione, devono essere presentate a partire dal giorno mercoledi 21/10/2020 e fino alle ore 12,00 del giorno venerdì 06/11/2020 al Comune di Collesalvetti, tramite una delle seguenti modalità:

 

– mediante lettera raccomandata A/R

 

– tramite posta certificata dall’indirizzo Pec istituzionale a

comune.collesalvetti@postacert.toscana.it.

 

Altre informazioni sul sito http://www.comune.collesalvetti.li.it/site/home/articolo46004288.html

 

L’ufficio Credito CNA è disponibile a fornire un servizio di assistenza per la compilazione delle pratiche, scrivendo a credito@cnalivorno.it

Flat tax

Cartelle: alt ai pagamenti del 2020

Cartelle – alt ai pagamenti nel 2020.

In un consiglio dei ministri tenuto domenica 18 ottobre sono state approvate disposizioni urgenti in materia di riscossione esattoriale. Il decreto legge che attende la pubblicazione in gazzetta dispone la proroga fino al 31 dicembre 2020 della sospensione delle attività di notifica di nuove cartelle di pagamento, del pagamento delle cartelle precedentemente inviate e degli altri atti dell’Agente della Riscossione.

Allo stesso tempo, si proroga al 31 dicembre anche il periodo durante il quale si decade dalla rateizzazione con il mancato pagamento di 10 rate, anziché 5.

Per consentire uno smaltimento graduale delle cartelle di pagamento che si sono già accumulate, alle quali si aggiungeranno quelle dei ruoli che gli enti consegneranno fino al termine della sospensione, è previsto il differimento di 12 mesi del termine entro il quale avviare alla notifica le cartelle.

Ricordiamo che dal 16 ottobre era ripartita la riscossione che il Decreto di Agosto aveva differito al 15 ottobre 2020.

Il termine finale di sospensione precedentemente fissato al 31 agosto era stato prorogato fino alla fine dello stato di emergenza, inizialmente previsto per il 15 ottobre ma ora prorogato fino al  31 gennaio 2021.

Senza la proroga prevista dal decreto legge approvato il 18 ottobre 2020 e ora in attesa di essere pubblicato in gazzetta, i pagamenti sospesi in scadenza dall’8 marzo al 15 ottobre 2020 dovevano essere onorati entro il 30 novembre 2020 ossia entro il mese successivo alla scadenza del periodo di sospensione.

Ricordiamo che la sospensione riguarda i seguenti atti:

  • cartelle di pagamento;
  • avvisi di accertamento esecutivi;
  • avvisi di accertamento in materia doganale;
  • ingiunzioni fiscali degli enti territoriali;
  • nuovi avvisi di accertamento esecutivi per i tributi locali
safe_image

Premiata la serietà di acconciatori, estetiste e tatuatori come richiesto da CNA

Acconciatori, estetiste e tatuatori restano aperti: premiata la serietà

 

Con la pubblicazione del nuovo DPCM è stato scongiurato il rischio chiusura per i saloni di acconciatura, estetica, tatuaggio e piercing.

Gli operatori del benessere potranno pertanto restare aperti e continuare a fornire i propri servizi.

“La CNA – afferma la coordinatrice di settore per Livorno Valentina Bonaldi – si è mossa fin da subito per sostenere le ragioni di una categoria che in questi mesi ha dato prova di grande affidabilità e serietà, rispettando in maniera scrupolosa e diligente i protocolli sanitari anti Covid.

Una categoria che peraltro aveva già pagato a caro prezzo il lockdown e che non avrebbe potuto sopportare un’ulteriore chiusura, che peraltro non avrebbe trovato sostegno nei dati.

Di fatto, in queste attività da sempre vi è la massima attenzione agli aspetti igienico sanitari, con standard di sicurezza estremamente elevati e già attivi anche in tempi precedenti alla pandemia. A questo poi hanno fatto seguito investimenti significativi in strumenti per la sanificazione degli ambienti e delle attrezzature, il largo utilizzo di materiali monouso, l’attenzione maniacale alla tutela della salute del cliente.

Vi è stato inoltre uno sforzo enorme in termini di riorganizzazione del lavoro che ha permesso, seppur con grandi sacrifici, di evitare assembramenti e nel contempo, di continuare a fornire ai clienti servizi di qualità, nonostante il notevole aumento dei costi di gestione.

Mantenere in azione queste attività produttive è stato il riconoscimento dell’impegno che questi imprenditori hanno mostrato nei confronti della Legge e a favore della comunità. Si tratta quindi di un importante segnale di interesse da parte della politica che ha compreso le ragioni della categoria che come CNA abbiamo esposto e sostenuto.

Riteniamo che sia giusto che anche le palestre abbiano la possibilità di proseguire la propria attività in sicurezza e questo è possibile grazie all’applicazione rigorosa dei protocolli sanitari. Serve assoluta fermezza nel pretendere la massima serietà da tutti gli operatori perché la scorrettezza di pochi non deve danneggiare le tantissime palestre serie.

Infine – conclude Bonaldi – occorre il pugno di ferro nei confronti degli abusivi. Ora più che mai gli abusivi rappresentano una piaga intollerabile, un rischio per la salute pubblica e una fonte di possibile contagio che non possiamo più tollerare. Su questo servono risposte concrete da parte delle istituzioni e degli enti di controllo”.

 

Senza nome

Evitare una nuova e incomprensibile chiusura di acconciatori ed estetiste

La piaga dell’abusivismo è in continua espansione nel settore dei servizi alla persona. Gli ultimi dati Istat confermano il dilagare di un fenomeno che mette a repentaglio la salute dei cittadini e la tenuta degli operatori che rispettano le regole, tanto più in questa fase di emergenza sanitaria nell’assicurare l’osservanza dei protocolli. Nel 2018 il tasso di irregolarità di acconciatori e centri estetici risultava pari al 27,1%. Si tratta del valore più alto osservato tra i vari settori e che supera di gran lunga quello medio nazionale (14,2%).

Le imprese regolari del settore sono oggi chiamate a convivere con l’esercizio abusivo della professione. Il lockdown tra la fine di marzo e la prima metà di maggio ha messo in fortissima difficoltà le attività che riguardano la cura e il benessere della persona che risultano essere tra quelle maggiormente colpite dalla pandemia, essendo state, inoltre, tra le prime a chiudere e le ultime a riaprire.

L’abusivismo, oltre a mettere a repentaglio la salute dei clienti e a vanificare lo sforzo collettivo di contenere il contagio, getta discredito sulle imprese che operano nel rispetto della legalità.

Anche per questo motivo va evitata a tutti i costi la possibilità di una seconda chiusura delle imprese del settore che dimostrano quotidianamente di operare con il massimo rispetto e rigore delle norme e dei protocolli di sicurezza e sono disponibili a confrontarsi con le istituzioni per individuare le soluzioni più efficaci. Nuove restrizioni invece rischiano di compromettere la continuità delle imprese e acuire il fenomeno dell’abusivismo rispetto al quale CNA sollecita da tempo un impegno ancora più incisivo da parte delle autorità locali affinché siano intensificati i controlli.

cover_evento_Fb_webinarCNA (2)

Come aumentare le vendite con social e web

Cna Livorno ha organizzato una nuova serie di webinar gratuiti per migliorare l’approccio alla comunicazione digitale della piccola e media impresa: un’occasione per conoscere strumenti e ricevere consigli per migliorare la propria presenza e attività online in un momento così sfidante e difficile per le aziende del territorio.

Tre gli appuntamenti in videoconferenza sulla piattaforma Zoom, ognuno indipendente dall’altro ma logicamente connessi, tenuti da aziende del territorio con uno stile semplice e improntato al dialogo con gli altri imprenditori.

Essere presenti ed attivi sul digitale è una esigenza ormai per la quasi totalità delle piccole e medie imprese, ma è importante non improvvisare per non peggiorare addirittura la situazione.

Il primo appuntamento è Lunedì 12 Ottobre alle ore 18.00 con il webinar “Come Vendere on line” a cura di Martina Caluri di Iperattiva.

Il secondo appuntamento sarà Mercoledì 21 Ottobre, sempre alle ore 18.00, in cui si parlerà di “Come migliorare l’immagine della tua azienda su web e social” a cura di Alessandra Renai di 6Emme Studio, Elisa Soggia di Linkjuice e Nico Fulciniti di Jobdv.

Il terzo appuntamento Martedì 27 ottobre, ancora alle 18.00, ed avrà come tema “Come aumentare le vendite attraverso i social” a cura di 6Emme Studio.

È necessaria l’iscrizione scrivendo a comunicazione@cnalivorno.it per ricevere il link di collegamento.

Non perdere l’occasione di migliorare le prestazioni digitali della tua azienda. Partecipa.

salmoiraghi sconti jpg

Sconti da Salmoiraghi & Viganò per CNA Livorno

Nuovi vantaggi per gli associati CNA Livorno (anche pensionati e cittadini), con Salmoiraghi & Viganò per l’acquisto di occhiali da vista e da solo, lenti a contatto ed altri articoli.

Per ottenere lo sconto occorre chiedere a comunicazione@cnalivorno.it il codice riservato alle aziende CNA Livorno e seguire le istruzioni di registrazione al sito https://www.convenzionisalmoiraghievigano.it/ per ottenere i coupon da spendere in negozio oppure nello shop online.

mail

Verifica della PEC entro il 1° ottobre 2020

Nell’ambito dei servizi digitali, al momento è disponibile la PEC, servizio di tipo “postale” ormai consolidato da 15 anni, che consente di sostituire, con pieno valore legale, comunicazioni e notificazioni di atti e documenti sia da parte delle pubbliche amministrazioni, che da parte dei privati.

Entro il prossimo 1° ottobre 2020 tutte le imprese dovranno verificare se il proprio indirizzo PEC è attivo e iscritto nel registro delle imprese; in caso contrario, dovranno acquisirne uno e procedere alla comunicazione tramite il nuovo servizio semplificato che consente di comunicare il proprio indirizzo PEC al registro imprese senza pagare oneri, bolli e diritti. Il servizio è accessibile, via web, con l’utilizzo della firma digitale del legale rappresentate dell’impresa all’indirizzo https://ipec-registroimprese.infocamere.it/ipec/do/Welcome.action

In caso di mancata comunicazione dell’indirizzo PEC è prevista una sanzione tra un minimo di € 206,  ad un massimo di € 2.064,00 per le società (€ 412 se pagate in forma ridotta entro 90 giorni) e da un minimo di € 30,00 ad un massimo di € 1.548,00 per le imprese individuali (€ 60,.00 se pagate in forma ridotta entro 90 giorni.

Coloro che non adempiono nel termine del 1° ottobre, oltre all’applicazione della sanzione si vedranno assegnare d’ufficio dalla camera di commercio un domicilio digitale che sarà reso disponibile ma solo per la ricezione dei documenti.

Per chiarimenti ed approfondimenti vi invitiamo a rivolgervi ai nostri uffici.

architect-1816217_1920

Corsi obbligatori: il calendario dell’autunno

Ecco il programma dei prossimi corsi di formazione obbligatoria che si svolgeranno in presenza con il rispetto delle normative anti COVID 19.
Sede CNA di Livorno:
– Corso agg.to RLS 4 ore: 15 settembre orario 9-13
– Corso antincendio rischio basso 4 ore: 5 ottobre orario 9-13
– Corso antincendio rischio medio 8 ore: 5 ottobre orario 9-13 e 14-18
– Corso agg.to estetica 20 ore: 12-19-26 ottobre
– Corso agg.to addetti alla guida del carrello elevatore: 13 ottobre orario 9-13
– Corso abilitante per addetti al primo soccorso 16 ore: 2-9 novembre orario 9-13 e 14-18
– Corso abilitante per addetti al primo soccorso 12 ore: 2 novembre orario 9-13 e 14-18 e 9 novembre orario 14-18
– Corso di agg.to per addetti al primo soccorso 6 ore: 9 novembre orario 11-13 e 14-18
– Corso di agg.to per addetti al primo soccorso 4 ore: 9 novembre orario 14-18
– Corso base sicurezza lavoratori rischio alto (16 ore): 16 e 18 novembre orario 9-13 e 14-18
– Corso base sicurezza lavoratori rischio medio (12 ore): 16 novembre orario 9-13 e 14-18 e 18 novembre orario 9-13
– Corso base sicurezza lavoratori rischio basso (8 ore): 16 novembre orario 9-13 e 14-18
– Corso agg.to base sicurezza lavoratori (6 ore): 16 novembre orario 9-13 e 14-16
– Corso RSPP per aziende a rischio basso (16 ore): 23 e 30 novembre orario 9-13 e 14-18
– Corso di agg.to RSPP per aziende a rischio alto (14 ore): 23 novembre orario 9-13 e 14-18 e 30 novembre orario 9-13 e 14-16
– Corso di agg.to RSPP per aziende a rischio medio (10 ore): 23 novembre orario 9-13 e 14-16 e 30 novembre orario 9-13
– Corso di agg.to RSPP per aziende a rischio basso (6 ore): 23 novembre orario 9-13 e 14-16
Sede di Piombino:
– Corso base sicurezza lavoratori rischio alto (16 ore): 5 e 7 ottobre orario 9-13 e 14-18
– Corso base sicurezza lavoratori rischio medio (12 ore): 5 ottobre orario 9-13 e 14-18 e 7 ottobre orario 9-13
– Corso base sicurezza lavoratori rischio basso (8 ore): 5 ottobre orario 9-13 e 14-18
– Corso agg.to base sicurezza lavoratori (6 ore): 5 ottobre orario 9-13 e 14-16
– Corso agg.to estetica 20 ore: 2-9-16 novembre
Per informazioni 0586267553 oppure cecilia.nieri@cnalivorno.it