Corso di aggiornamento HACCP marzo 2022

Cna Servizi formazione organizza un corso di aggiornamento HACCP per addetti di attività alimentari.

Il corso di aggiornamento per addetti HACCP, della durata complessiva di 4 ore, si terrà mercoledì 2 marzo 2022 dalle 14.00 alle 18.00.

Alla luce delle attuali disposizioni normative dovute all’emergenza sanitaria, il corso verrà svolto in modalità videoconferenza.

Il costo per aziende associate CNA è pari a 70 € + IVA

Per procedere con l’iscrizione o per avere informazioni è possibile contattare:

–  Zona Val di Cornia: Francesco Angiolini al n. 0565222022 oppure 345.2467644 o via mail all’indirizzo francesco.angiolini@cnalivorno.it

–  Tutte le altre zone: Cecilia Nieri al n. 0586815245 oppure 3358471196 o via mail all’indirizzo cecilia.nieri@cnalivorno.it

Comune di Livorno: contributi a fondo perduto per ristorazione e sport

Il Comune ha indetto un bando pubblico per la concessione di contributi straordinari a fondo perduto a sostegno dei settori della ristorazione e dello sport, in risposta all’emergenza Covid-19.

INFORMAZIONI GENERALI

Le risorse complessivamente stanziate dal Comune a disposizione dei soggetti beneficiari ammontano ad € 200.000 e sono così ripartite:

  • € 150.000 a favore del settore della ristorazione
  • € 50.000 a favore del settore dello sport

Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di contributi a fondo perduto, ad integrazione del calo di fatturato/corrispettivi registrato.

Il codice ATECO di riferimento è il codice prevalente come risultante dal Registro delle Imprese, posseduto alla data di presentazione della domanda.

L’ammontare del contributo a fondo perduto per singolo beneficiario è pari ad € 1.000, fatte salve condizioni specifiche.

Le risorse stanziate saranno assegnate sulla base di due apposite graduatorie determinate in funzione della percentuale di calo del fatturato/corrispettivi registrata e nei limiti della disponibilità dei fondi.

Non possono accedere al contributo le imprese operative a partire dal 16 dicembre 2020.

CHI PUÒ PRESENTARE LA DOMANDA

Possono presentare domanda le Micro e Piccole Imprese (MPI) come definite dall’Allegato 1 del Regolamento UE n. 651/2014 con sede legale ed unità operativa nel territorio del Comune di Livorno, che esercitano un’attività identificata come prevalente, rientrante in uno dei seguenti codici ATECO ISTAT 2007

  • 56.10.1 – Ristorazione con somministrazione
  • 56.10.2 – Ristorazione senza somministrazione
  • 85.51 – Corsi sportivi e ricreativi
  • 93.11 – Gestione di impianti sportivi
  • 93.12 – Attività di club sportivi
  • 93.13 – Palestre
  • 93.19 – Altre attività sportive

Ciascun richiedente può presentare esclusivamente una sola domanda di contributo a fondo perduto.

Le imprese possono presentare istanza di accesso al contributo esclusivamente alle seguenti condizioni:

SETTORE RISTORAZIONE – ammontare del fatturato e dei corrispettivi, periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2020, inferiore di almeno il 20% rispetto al periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2019 (in ogni caso la percentuale di calo del fatturato/corrispettivi deve essere inferiore al 30%);

SETTORE SPORT – ammontare del fatturato e dei corrispettivi, periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2020, inferiore di almeno il 20% rispetto al periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2019 (non è previsto un limite massimo).

Alle imprese che hanno avviato l’attività* nel corso del 2020, non è richiesto il requisito del calo del fatturato/corrispettivi, ma il contributo spettante verrà quantificato come segue:

  • in caso di avvio attività dal 1 gennaio 2020 e non oltre il 15 luglio 2020 – contributo riproporzionato rispetto agli effettivi mesi di attività nel periodo di osservazione;
  • in caso di avvio attività dal 16 luglio 2020 al 30 settembre 2020 – contributo pari ad € 400;
  • in caso di avvio attività dal 1 ottobre 2020 al 15 dicembre 2020 – contributo pari ad € 300.

*Per “avvio dell’attività” si intende la data di emissione della prima fattura o del primo corrispettivo.

ULTERIORI REQUISITI DI AMMISSIBILITÀ

Le imprese richiedenti, oltre alle condizioni e requisiti suindicati, devono possedere al momento della presentazione della domanda e sino alla liquidazione del contributo, i seguenti ulteriori requisiti di ammissibilità:

  • essere imprese regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese della CCIAA Maremma e Tirreno, ed esercitare un’attività economica identificata come prevalente, nelle sezioni ATECO ISTAT 2007 di cui all’art. 3, come risultante da visura camerale;
  • avere sede legale ed unità operativa nel territorio del Comune di Livorno, come risultante da visura camerale;
  • essere impresa attiva, come risultante da visura camerale;
  • essere in regola con il DURC e trovarsi in posizione di regolarità tributaria nei confronti del Comune di Livorno;
  • possedere la “dimensione” di MPI;
  • non trovarsi in stato di scioglimento, liquidazione, fallimento, concordato preventivo, accordo di ristrutturazione dei debiti, ed ogni altra procedura concorsuale prevista dalla legge fallimentare e da altre leggi speciali;
  • rispettare quanto previsto dalla normativa sul “de minimis”;
  • non avere in corso contratti di fornitura di servizi, anche a titolo gratuito, con il Comune di Livorno, ai sensi dell’art. 4, comma 6, del D.L. 95 del 6 luglio 2012, convertito nella L. 7 agosto 2012, n. 135.
EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

Conclusa l’istruttoria, l’Ufficio competente procederà alla formazione delle graduatorie delle domande ammissibili, con e senza riserva, e di quelle non ammissibili, suddivise tra settore Ristorazione e settore Sport.

Le due graduatorie sono determinate privilegiando le domande presentate da imprese che hanno registrato un maggior calo di fatturato/corrispettivi nel periodo osservato. In caso di parità, si terrà conto dell’ordine cronologico di arrivo delle domande.

Le imprese che abbiano avviato l’attività nel corso del 2020, o comunque successivamente al 15 dicembre 2019, saranno posizionate di default tutte ai primi posti nelle graduatorie, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande.

Le risorse saranno assegnate nei limiti della disponibilità dei due stanziamenti e tenuto conto dell’ammontare del contributo per singolo beneficiario stabilito in € 1.000, salvo i diversi importi riproporzionati, o quelli stabiliti in Euro 400 o Euro 300, in caso di attività avviata nel corso del 2020, con possibilità di reimpiego delle risorse non completamente utilizzate da uno dei raggruppamenti sull’altro.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi al numero 0586 267111 (selezionando l’opzione 4) oppure via mail all’indirizzo credito@cnalivorno.it

2 ori agli International Chocolate Awards per l’associata CNA Paola Francesca Bertani

Nella categoria praline con cioccolati misti “Ansonicavince l’oro superando la due volte campione del mondo “Aleatica” divenuta argento.

Ansonica è prodotta con cioccolato chuncho cuzco 70% di Tesoro Amazonico e un ripieno ai frutti gialli, tra i quali spiccano le albicocche a km 0 della azienda agricola Elisa, e la grappa di Ansonica dell’azienda Arrighi.

L’altro oro mondiale, nella categoria ganache fondenti aromatizzate, va alla pralina “Un tè con le tigri” che ha richiesto due anni di lavoro e che unisce le due grandi passioni della Bertani: cioccolato e tè. All’interno della pralina infatti c’è una water ganache fatta con infuso di tè darjeeling first flush Margarets Hope. “Un tè con le tigri” si ispira all’omonimo libro di Gilles Brochard, che Paola ha avuto come insegnante durante un corso di tea tasting, dove l’autore racconta la sua esperienza nei giardini del tè indiani.

Paola interpreta l’universo cioccolato come un viaggio esclusivo e personale. Ogni cioccolato utilizzato viene selezionato con competenza, non solo dal punto di vista tecnico ma soprattutto sotto quello sensoriale. Ogni cioccolato prescelto deve avere tre principali caratteristiche: tracciabilità e provenienza certa, eccellenti note aromatiche rappresentative del territorio di coltivazione ed essere pulito, in poche parole senso etico, infatti, per le sue produzioni Paola sceglie il cioccolato di piccoli produttori con cui condividere la qualità assieme ai buoni principi.

A tal proposito Paola dichiara: “sono molto felice che questa pralina abbia preso un premio così importante perché celebra non solo il mio lavoro ma anche quello di due aziende Elbane di eccellenza. Questo oro è anche merito loro. Mi hanno chiesto perché ho iscritto due praline nella stessa categoria mettendo a rischio con le mie stesse mani il primato di Aleatica, ho voluto mettermi alla prova, sperimentare nuovi abbinamenti e cercare di superare i miei precedenti risultati”

In poche parole, i cioccolatini di Paola Francesca Bertani hanno una qualità “mondiale, confermata dai premi che, anche quest’anno, l’organizzazione degli International Chocolate Awards ha conferito alle eccellenze del cioccolato provenienti da tutto il mondo.

Un ringraziamento speciale a Monica Meschini e agli organizzatori degli International Chocolate Awards che, nonostante le difficoltà create dalla pandemia, sono riusciti a garantire lo svolgimento di questa prestigiosa kermesse internazionale.

5e5day, tortai soddisfatti: gente di tutte le età ed anche da fuori

Premiati i 25 vincitori della challenge 5e5day. Adesso si punta a nuove iniziative di valorizzazione

“È stata una scommessa, ma l’abbiamo vinta – commenta il presidente dell’Associazione Tortai Livornesi Fabio Forti – ed abbiamo avuto la grande soddisfazione di vedere nuovamente gustare i nostri 5e5 persone di tutte le età venute anche da fuori. Eravamo sicuri della qualità ed attrattività del nostro prodotto, ma i tempi stretti con cui abbiamo dovuto lanciare l’evento digitale una volta constatata l’impossibilità di fare un evento collettivo in presenza, ci hanno tenuto in suspence fino allo scoccare del 5e5day il 5 di maggio. Da lì è stato un continuo di gente, anche per chi di noi era aperto la mattina. Ci sono state un po’ di attese fuori delle botteghe è vero e ci dispiace, qualcuno è anche rimasto senza a fine serata, ma un prodotto artigianale e cotto al momento come la torta vuole i suoi tempi di preparazione e lo spazio nei forni è ovviamente limitato”.

“C’è sempre qualcosa da migliorare nelle iniziative – afferma la coordinatrice di Cna Alimentare Valentina Bonaldi – e nei prossimi giorni valuteremo con calma cosa. Questo ci servirà per iniziare a pensare alle prossime possibili iniziative per continuare a promuovere questo alimento davvero eccezionale, che piace a tutti e che, anche senza la straordinaria promozione fatta a 2 euro compresa la spuma, è un piatto gustoso, sano e nutriente con un rapporto prezzo/qualità eccezionale.

Abbiamo già programmato incontri con il Comune (che ha patrocinato l’evento concedendo anche un contributo economico) per vedere se e cosa è possibile pianificare per il futuro anche se una cosa è certa: il 5/5 da ora in poi a Livorno sarà il 5e5day. Intanto – aggiunge Bonaldi – alcuni tortai si sono avvicinati all’associazione ed anche questo è un bene perché più siamo a condividere questo progetto e meglio possiamo promuovere il prodotto e la sua unicità.

Abbiamo anche inviato ai 25 vincitori della challenge il coupon digitale con cui potranno gustare altri due buonissimi 5e5 e spume: è stata una simpatica gara su Instagram a colpi di selfie e di fantasia in cui il primo ha totalizzato ben 1.572 like. Tutte le foto sono visibili con l’hashtag #5e5day.

Cliccatissimi anche il video promozionale e le quattro interviste in cui i tortai in modo scherzoso hanno un po’ raccontato di sé e della torta. Dobbiamo anche ringraziare l’agenzia Orangetape che ha creduto con noi in questa sfida dandoci davvero un validissimo supporto digitale”.

Il 5/5/2021 a Livorno il primo “5e5Day”

Nasce a Livorno il primo “5e5 Day” , la giornata dedicata allo street food più amato della città, ovvero il panino (francese o schiacciata) ripieno di torta di ceci fumante.

L’evento è organizzato dall’Associazione Tortai Livornesi, costituitasi nella CNA di Livorno, e ha come finalità la valorizzazione appunto della “Torta di Ceci” e del “5e5”, prodotti tipici e caratterizzanti il territorio cittadino.

Come giornata simbolo di questa azione di valorizzazione è stato scelto, non a caso, il 5/5, data che l’Associazione Tortai Livornesi intende annualmente rendere centrale per gli eventi che verranno appositamente realizzati, istituendo il “5e5Day”. In questo giorno emblematico che si punta a rendere stabile a conclusione dell’emergenza Covid, partirà una campagna di promozione del prodotto e dei Tortai, ed una challenge fra tutti coloro che lo acquisteranno.

A presentare l’iniziativa nella sala cerimonie del Comune di Livorno, alla presenza del sindaco Luca Salvetti e dell’assessore al Commercio e Turismo Rocco Garufo, sono stati il presidente dell’Associazione Tortai Livornesi Fabio Forti, la coordinatrice di CNA Alimentare Valentina Bonaldi ed il coordinatore di CNA Livorno Alessandro Longobardi.

Presentato in Comune a Livorno il primo 5e5day: sarà il 5/5

Il 5/5 a Livorno il primo “5e5Day”

 

L’iniziativa organizzata dall’Associazione Tortai Livornesi, costituitasi nella CNA di Livorno, ha come finalità la valorizzazione della Torta di Ceci e del 5e5, prodotti tipici e caratterizzanti il territorio cittadino, ed ha avuto il patrocinio del Comune di Livorno.

Come giornata simbolo di questa azione di valorizzazione è stato scelto, non a caso, il 5/5, data che l’Associazione Tortai Livornesi intende annualmente rendere centrale per gli eventi che verranno appositamente realizzati, istituendo il “5e5Day”.

Purtroppo l’attuale situazione di emergenza sanitaria ha impedito che per l’anno in corso si potessero svolgere il 5 maggio e nel relativo fine settimana iniziative in presenza, come ipotizzato e già programmato dall’Associazione: si è dunque puntato alla realizzazione di un evento digitale, con una promozione social che lo precederà e lo seguirà.

La speranza è però di poter organizzare un evento in presenza nell’estate 2021.

Intanto dal 5 al 9 maggio i Tortai associati proporranno una promozione speciale e sarà lanciata una challenge che vedrà premiati i selfie con 5e5 che riceveranno più like su Instagram.

L’Associazione Tortai Livornesi ha realizzato dei video e dei contenuti digitali che metteranno in risalto le peculiarità culturali e gastronomiche dei due piatti tipici della tradizione labronica, con l’intento di diffonderne la conoscenza sia all’esterno del territorio, che alle nuovissime generazioni di livornesi che mostrano di poco conoscerli ed apprezzarli, a vantaggio di cibi più commerciali o estranei alla tipicità.

Nei programmi dell’Associazione anche iniziative con le scuole.

 

Questi i Tortai fondatori dell’Associazione:

Da Gagarin Antica Torteria al Mercato

Via del cardinale, 24

Forti Pizza e torta

Via Giuseppe Garibaldi, 355/a

I tre canti

Corso Giuseppe Mazzini, 347

Pizza & Torta da Alepizza

Viale Caprera, 7

Pizza e Torta da Galassi

Viale Giosuè Carducci, 249

Pizza e Torta da Leone

Via di Salviano, 71

Rinomata Pizzeria Seghieri

Via Ernesto Rossi, 19

 

L’Associazione è aperta a tutti i tortai livornesi che si riconoscano negli intenti della stessa.

Alla conferenza stampa erano presenti il sindaco di Livorno Luca Salvetti, l’assessore al Turismo, Commercio e Artigianato Rocco Garufo, il presidente dell’Associazione Tortai Livornesi Fabio Forti, la coordinatrice di CNA Alimentare Valentina Bonaldi ed il coordinatore di CNA Livorno Alessandro Longobardi.

 

Regolamento Challenge #5e5day

 

  1. Acquista dal 5 al 9 maggio 2021 un 5e5 presso uno dei tortai aderenti all’Associazione Tortai livornesi, sfruttando la speciale promozione 5e5+spuma a 2 euro
  2. Scattati un selfie con il tuo 5e5 dentro o fuori il tortaio (che deve essere riconoscibile dalla foto)
  3. Pubblica la foto su Instagram come post (no la storia) inserendo l’hashtag #5e5day entro e non oltre le ore 15 del 10/5/2021
  4. I 25 post che avranno ottenuto più like saranno premiati da CNA Livorno con un buono per due 5e5 e due bicchieri di spuma da gustare presso uno dei tortai dell’Associazione.
  5. In caso di parità di like vincerà il post pubblicato prima in ordine di tempo

 

 

Promozione 5e5day

 

In occasione dell’evento 5e5day dal 5 al 9 maggio 2021 presso i tortai aderenti all’Associazione Tortai Livornesi sarà possibile acquistare un 5e5 classico (schiacciatina o francesino) ed un bicchiere di spuma al prezzo speciale di 2 euro.

 

Riferimenti social:

https://www.instagram.com/associazionetortailivornesi/

https://www.facebook.com/tortailivornesi

 

Video:

https://youtu.be/jPq1dD_35Bg

 

Regolamento Challenge #5e5day

  • Acquista dal 5 al 9 maggio 2021 un 5e5 presso uno dei tortai aderenti all’Associazione Tortai livornesi, sfruttando la speciale promozione 5e5+spuma a 2 euro
  •  Scattati un selfie con il tuo 5e5 dentro o fuori il tortaio (che deve essere riconoscibile dalla foto)
    Pubblica la foto su Instagram come post (no la storia) inserendo l’hashtag #5e5day entro e non oltre le ore 15 del 10/5/2021
  • I 25 post che avranno ottenuto più like saranno premiati da CNA Livorno con un buono per due 5e5 e due bicchieri di spuma da gustare presso uno dei tortai dell’Associazione.
  • In caso di parità di like vincerà il post pubblicato prima in ordine di tempo

Promozione 5e5day

In occasione dell’evento 5e5day dal 5 al 9 maggio 2021 presso i tortai aderenti all’Associazione Tortai Livornesi sarà possibile acquistare un 5e5 classico (schiacciatina o francesino) ed un bicchiere di spuma al prezzo speciale di 2 euro.

È esclusa dalla promozione ogni altra variante del 5e5, la torta acquistata sfusa ed ogni altro tipo di bevanda o di alimento che saranno quindi acquistabili a prezzo pieno.

Contributi a fondo perduto a favore della filiera della ristorazione

A fine di sostenere le attività della ristorazione e della relativa filiera, che rientrano nelle categorie che hanno avuto maggiori ricadute negative derivanti dalle restrizioni imposte per il contenimento del contagio da covid-19, la Regione Toscana prevede un contributo a fondo perduto fino ad € 2.500 per ciascun beneficiario, finalizzato a sostenere le micro, piccole e medie imprese del settore, nonché i professionisti.

Il contributo è corrisposto in unica soluzione mediante accreditamento diretto sul conto corrente bancario o postale.

Saranno esclusi i soggetti che siano risultati assegnatari di un contributo ai sensi del precedente bando di cui al decreto dirigenziale 21573 del 24/12/2020.
Saranno invece posizionate di default al primo posto nella graduatoria, tutte quelle imprese che sono state costituite nel 2020.

I requisiti fondamentali da soddisfare, pena l’inammissibilità al contributo, sono:
– aver registrato un calo del fatturato e dei corrispettivi almeno del 30% registrato dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020, rispetto al fatturato e ai corrispettivi realizzati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2019
– per aziende costituite nel corso del 2020, il contributo spettante è riproporzionato rispetto agli effettivi    mesi di operatività
– risultare in regola con il DURC

Sarà possibile presentare la domanda a partire dalle ore 09.00 del 4 maggio 2021 fino alle ore 17.00 del 18 maggio 2021

L’elenco dei destinatari del bando è consultabile al link in fondo alla pagina.

ATECO AMMESSI AL BANDO pdf

Per la ristorazione, criteri e orari ingiustificatamente punitivi

CNA Agroalimentare è profondamente delusa dalle  nuove indicazioni del Governo in merito alle riaperture.

Ristoranti, bar, gelaterie, pizzerie, dalla lettura del Decreto riaperture pubblicato in Gazzetta Ufficiale, potranno formalmente riaprire dal 26 aprile, ma i criteri e le condizioni imposte appaiono del tutto ingiustificati e discriminatori nei confronti di attività che hanno dimostrato di non incidere sull’andamento dei contagi.

Amarezza viene manifestata anche per l’assenza di indicazioni per le attività di catering ed eventi in occasione delle cerimonie civili e religiose, con un ulteriore gravissimo pregiudizio per le imprese.  Il provvedimento prevede infatti  la riapertura da lunedì 26 aprile per il consumo al tavolo (esclusivamente in zona gialla), ma solo all’aperto e fino alle ore 22. Soltanto dal 1° giugno sarà possibile svolgere attività al chiuso, ma con l’incomprensibile limitazione delle ore 18 mentre sarà consentito praticare sport di contatto anche dopo quest’ora.

CNA rileva inoltre  che sono rimasti inascoltati i suggerimenti per rafforzare le già severe cautele per la prevenzione del rischio e sottolineano la contraddizione rispetto ad un anno fa dove le medesime attività di ristorazione poterono riaprire il 16 maggio senza alcuna restrizione di orari, quando ancora non esistevano vaccini e vaccinati.  Un provvedimento di cautela, quindi quello di quest’anno, che sembra ignorare il positivo avanzamento della campagna vaccinale.

Confidiamo che il Governo corregga l’attuale orientamento nei confronti delle attività di ristorazione che sono praticamente chiuse dall’ottobre dello scorso anno.