Esperienze Toscane: arriva il catalogo turistico direttamente organizzato dalle imprese della Toscana

Valorizzare e promuovere l’intero territorio toscano, sostenendo al contempo la ripresa della filiera turistica nel suo complesso: strutture ricettive, trattorie e ristoranti, cantine, dimore storiche, castelli e giardini, musei dell’antiquariato e del gusto, delle arti e della cultura, negozi, laboratori dell’artigianato artistico e tradizionale, cicloturismo, guide turistiche, servizi di noleggio con conducente e pullman turistici e così via.

È lo scopo di “Esperienze Toscane”, il primo catalogo turistico coordinato a livello regionale da un’associazione di categoria, CNA Toscana, spiega il Responsabile Alessandro Farisei, e sarà presentato ufficialmente alla 58° edizione del TTG – Travel Experience che si terrà dal 13 al 15 ottobre a Rimini fiere.

Coinvolti centinaia di imprese e professionisti di tutta la Toscana con un’offerta che sarà promossa e commercializzata  da un pool di 8 tour operator, anch’essi toscani. Il Catalogo in via di definizione sulla piattaforma di CNA Toscana, sarà poi ulteriormente pubblicato su piattaforme di promozione  istituzionale.

Uno strumento operativo per i mercati nazionale ed internazionale destinato ad arricchirsi nel tempo di nuove offerte. Varie quelle già presenti: tour delle dimore storiche, anche con soggiorno; tour in battello sull’Arno costeggiando San Rossore fino e i Lungarni di Pisa; degustazioni di vino, olio e pietanze tipiche presso agriturismi nel Chianti; tour alla scoperta dell’arte del tessuto, della Lana, della Seta e della lavorazione della pelle e del cuoio a Firenze; cooking class per pasta e pizza e caccia al tartufo con degustazioni nell’Empolese; tour del senese in bicicletta; il percorso dantesco da Arezzo al Casentino per visitare luoghi rimasti fermi in un tempo passato e godere delle tradizioni tramandate fino ai giorni nostri; Capoliveri, tra natura e degustazioni e tanto altro ancora per un totale di oltre 70 proposte.

“Un lavoro mirato alla ripresa del turismo che si annuncia con grande slancio per il 2022, per proporre le nostre destinazioni, da quelle più tradizionali a quelle più inusuali, al mercato nazionale ed internazionale, al turista italiano e non, per periodi brevi (anche qualche ora), medi e lunghi. Un’offerta che, nel rispetto del Codice del Consumo e delle direttive comunitarie, garantisce e tutela in maniera adeguata il consumatore, portando al contempo vantaggi per le imprese, migliorando la concorrenza, la trasparenza, l’informazione e favorendo una migliore qualità dei prodotti e dei servizi” spiega Elisabetta Norfini, presidente di CNA Turismo e Commercio Toscana.

Turismo esperienziale: CNA Livorno lancia i suoi pacchetti al TTG

Saranno presentate le proposte di turismo esperienziale pensate in chiave green e sostenibile per l’Isola d’Elba. La fiera del turismo si terrà il 13-14-15 ottobre presso il Quartiere fieristico di Rimini. “Abbiamo pensato a delle esperienze turistiche che mirano alla valorizzazione del territorio e alla scoperta della storia che ci circonda e delle attività artigianali tipiche.” – […]

Contributi a fondo perduto per guide ed accompagnatori turistici

Per le guide e gli accompagnatori turistici sarà possibile presentare domanda per i contributi fino a 1500€ a partire dalle ore 09.00 del 4 giugno 2021 fino alle ore 17.00 del 18 giugno 2021.

Al fine di garantire la tenuta del sistema turistico, la Regione Toscana prevede la concessione di contributi a fondo perduto ad alcune categorie di soggetti particolarmente danneggiati a seguito dell’epidemia da Covid-19.

Sono ammissibili le domande presentate da imprese e professionisti operanti nei settori economici individuati dai seguenti codici Ateco Istat 2007 :

  • 79.90.20 – Attività delle guide e degli accompagnatori turistici
  • 93.19.92 – Attività delle guide alpine

requisiti fondamentali da soddisfare, pena l’inammissibilità al contributo, sono:
– aver registrato un calo del fatturato e dei corrispettivi almeno del 30% registrato dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020, rispetto al fatturato e ai corrispettivi realizzati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2019;
– risultare in regola con il DURC

Per imprese/professionisti che hanno avviato l’attività* nel corso del 2019, la verifica del suddetto calo si effettua confrontando i mesi di operatività del 2019 con gli stessi del 2020.

Per imprese/professionisti che hanno avviato l’attività* nel corso del 2020, non è richiesto calo del fatturato/corrispettivi ed il contributo a fondo perduto spettante è riproporzionato rispetto agli effettivi mesi di operatività. Queste saranno posizionate di default tutte al primo posto nella graduatoria.

Possono partecipare anche i soggetti che siano risultati assegnatari di un contributo a valere sul precedente avviso di cui al D.D. 15380 del 29/09/2020, ma le domande saranno collocate in graduatoria in posizione posteriore rispetto alle domande dei soggetti che non abbiano ottenuto alcun contributo a valere sul suddetto bando.

L’agevolazione non potrà comunque superare l’entità del calo di fatturato/corrispettivi registrata nel periodo di osservazione.

 

*Per avvio dell’attività si intende la data di emissione della prima fattura o del primo corrispettivo.

Contributi a fondo perduto per turismo e trasporto passeggeri

Sarà possibile presentare domanda per i contributi a fondo perduto fino a 2500€ a partire dalle ore 09.00 del 4 giugno 2021 fino alle ore 17.00 del 18 giugno 2021.

La Regione Toscana prevede la concessione di contributi a fondo perduto per le categorie di soggetti particolarmente danneggiati per la scomparsa del turismo e del business legato ai congressi, convegni e fiere, a seguito dell’epidemia da Covid-19.

L’obiettivo nello specifico è quello di sostenere le agenzie di viaggio ed il sistema di collegamenti (taxi, NCC, noleggio bus, …) che hanno registrato una paralisi pressoché totale della propria attività.

Sono ammissibili le domande presentate da imprese e professionisti operanti nei settori economici individuati dai seguenti codici Ateco Istat 2007 :

  • 79.1 – Attività delle agenzie di viaggio e dei tour operator
  • 49.32 – Trasporto con taxi, noleggio di autovetture con conducente
  • 49.39.09 – Altri trasporti terrestri di passeggeri nca

Sono ammesse inoltre le imprese che esercitino il servizio di piazza per il trasporto di cose di cui all’art.42 L. 298/74 (c.d. taxi merce), appositamente autorizzate dal Comune territorialmente competente.

requisiti fondamentali da soddisfare, pena l’inammissibilità al contributo, sono:
– aver registrato un calo del fatturato e dei corrispettivi almeno del 30% registrato dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020, rispetto al fatturato e ai corrispettivi realizzati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2019
– risultare in regola con il DURC

Per imprese/professionisti che hanno avviato l’attività* nel corso del 2019, la verifica del suddetto calo si effettua confrontando i mesi di operatività del 2019 con gli stessi del 2020.

Per imprese/professionisti che hanno avviato l’attività* nel corso del 2020, non è richiesto calo del fatturato/corrispettivi ed il contributo a fondo perduto spettante è riproporzionato rispetto agli effettivi mesi di operatività. Queste saranno posizionate di default tutte al primo posto nella graduatoria.

Possono partecipare anche i soggetti che siano risultati assegnatari di un contributo a valere sul precedente avviso di cui al D.D. 15380 del 29/09/2020, ma le domande saranno collocate in graduatoria in posizione posteriore rispetto alle domande dei soggetti che non abbiano ottenuto alcun contributo a valere sul suddetto bando.

L’agevolazione non potrà comunque superare l’entità del calo di fatturato/corrispettivi registrata nel periodo di osservazione.

 

*Per avvio dell’attività si intende la data di emissione della prima fattura o del primo corrispettivo.

Coronavirus, le indicazioni igienico sanitarie

Pubblichiamo un cartello con l’indicazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulle prescrizioni igienico sanitarie da seguire per la prevenzione della diffusione del contagio da Coronavirus, come di altri virus analoghi.

Raccomandiamo l’esposizione del cartello in tutti i luoghi di lavoro anche non aperti al pubblico.cartello Coronavirus

Turismo

Impresa 4.0 può aiutare la promozione del turismo locale