Descrizione

L’Unione nazionale CNA Benessere e Sanità, nasce dalla storica esperienza delle associazioni di mestiere e costituisce una vera e propria evoluzione della CNA in termini di rappresentanza settoriale oggi difficile da circoscrivere nell’ambito di una singola categoria economica o professionale.

Le nuove esigenze che la collettività esprime in termini di qualità della vita, pongono la necessità di proporre soluzioni più complesse e articolate che riguardano, per le nostre competenze non solo il pianeta benessere anche la sfera sanitaria non medica.

L’espressione “cura del se” infatti, si traduce in una molteplicità di servizi, trattamenti e prestazioni che spaziano in ambiti diversificati ma riconducibili tutti alla giusta e diffusa aspirazione al benessere, alla salute, alla serenità che deriva da una vita armonica perché sana.

In una società sempre più attenta e sensibile alla qualità della vita, chi rappresenta categorie economiche, imprenditori che di questo si occupano, deve porsi il problema di predisporre strutture e strumenti al passo con le esigenze delle aziende, degli operatori degli utenti. Deve garantire alle categorie rappresentate, tutela, promozione, ricoscimento, valorizzazione.

CNA Benessere e Sanità, vuole appunto coniugare la specificità delle singole componenti di questo mondo e una necessaria visione d’insieme che consente di individuare soluzioni strategiche negli ambiti del benessere ma anche in quelli sanitari non medici.

CNA Benessere e Sanità costituisce pertanto una vera e propria “intuizione” in termini di costruzione di una moderna struttura associativa creata in una più complessiva logica di sistema che fa della nostra Confederazione, l’organizzazione di rappresentanza leader in campo nazionale.

Presso la CNA Territoriale di Livorno sono rappresentati i seguenti MESTIERI con i rispettivi PRESIDENTI

  • ACCONCIATORI – Luca Pellegrini
  • ESTETICA – Melissa Pirollo
  • TATUATORI – Sania Farneti
  • ODONTOTECNICI SNO – Silvio Frassi
Ultime news

Affitto di poltrona e cabina. Vantaggi e opportunità per Acconciatori e Estetiste

Webinar Lunedì 30 maggio 2022 ore 10.30 “Affitto di poltrona e cabina. Vantaggi e opportunità per Acconciatori e Estetiste”

Ai Saloni di Acconciatura, Estetica, Tattoo e Piercing

Organizzato da CNA Benessere e Sanità Toscana, l’incontro si terrà in modalità online sulla piattaforma ZOOM lunedì 30 maggio 2022, ore 10.30

Per partecipare occorre registrarsi compilando l’apposito Modulo di registrazione (clicca qui).
Una volta fatta la registrazione, vi sarà inviato all’indirizzo e-mail da voi indicato il link per accedere al webinar.

Il programma del webinar è scaricabile QUI

Si tratta di un momento di Formazione e di Informazione molto importante per la categoria.
Invitiamo pertanto tutti i Saloni interessati a partecipare.

Per ulteriori informazioni potete contattare il Responsabile CNA Benessere e Sanità Valentina Bonaldi al numero 3482302066 oppure via email all’indirizzo valentina.bonaldi@cnalivorno.it

Affitto di poltrona e cabina

Si tratta di un accordo tra privati che stabilisce le modalità di collaborazione di due imprenditori all’interno di uno stesso salone.

In cosa consiste?

Infatti, un acconciatore o un’estetista potrà “prendere in affitto” una poltrona o una cabina all’interno di un altro salone, anche di attività diversa, mantenendo la propria autonomia.

Questo sulla base di un progetto di collaborazione da cui ciascuno può trarre enorme beneficio in termini di opportunità reciproche.

Chi sono i Soggetti interessati?

L’Affitto di poltrona e cabina rappresenta una possibile risposta alle esigenze organizzative ed economico finanziarie delle imprese di acconciatura, estetica, tattoo e piercing.

  • Aspiranti imprenditori che desiderano avviare un’attività ma che non possono permettersi un investimento ingente e rischioso come l’acquisto diretto di un negozio.
  • Saloni già avviati che vogliono incrementare in maniera certa le proprie entrate. Soprattutto in un momento come questo in cui la categoria tenta, con grandi difficoltà, di superare la crisi.

Benefici

L’affitto di poltrona o di cabina è senz’altro un’idea scaccia crisi che la CNA promuove fra i propri associati per sostenerli.

Un aiuto, quindi, che si rivolge sia ai giovani che si affacciano al mondo del lavoro, sia a chi è già sul mercato e cerca una maggiore redditività.

Tra i vari benefici dell’affitto di poltrona:

  • Incremento delle entrate
  • Sviluppo della clientela e dei servizi offerti
  • Riduzione dei costi

Inoltre, in un settore dove questo rappresenta una vera e propria piaga, l’affitto di poltrona o cabina è proprio un mezzo per combattere la concorrenza sleale degli abusivi, fornendo un’alternativa regolare.

CNA Benessere: il vademecum sulle linee guida per la ripresa

Con l’ordinanza del 1 aprile 2022, il Ministero della Salute ha aggiornato le Linee Guida per la ripresa delle attività economiche e sociali che dovranno essere applicate fino al 31 dicembre 2022.

Secondo le nuove disposizioni le imprese dovranno attenersi ad alcune misure di carattere generale a cui sono affiancate misure specifiche di settore, come già specificato QUI.

Per agevolare le nostre imprese nell’applicazione delle nuove linee guida abbiamo predisposto un sintetico vademecum che trovate in allegato, oltre al testo dell’ordinanza.

Scarica qui il documento aggiornato.

Bando ISI INAIL 2022: contributi per investimenti in sicurezza

Anche per il 2022, INAIL ha approvato il bando ISI per sostenere investimenti per la sicurezza delle imprese con un contributo a fondo perduto del 65% e con uno stanziamento previsto la Regione Toscana di oltre 18 milioni di euro.

Soggetti beneficiari

Destinatari dei finanziamenti sono le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura.

Tipologia di progetti ammissibili

Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto ricomprese in 4 assi di finanziamento:

  • Asse di finanziamento 1: Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
  • Asse di finanziamento 2: Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC)
  • Asse di finanziamento 3: Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
  • Asse di finanziamento 4: Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività: raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti e del recupero e preparazione per il riciclaggio dei materiali (codice Ateco E38) e del risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti (codice Ateco E39):
  • Asse di finanziamento 5: Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli

Nell’ambito dei vari assi sono previste differenti tipologie di interventi tra cui l’acquisto di macchinari nuovi in sostituzione di macchinari obsoleti, interventi di rimozione dell’amianto, interventi per ridurre il rischio rumore o il rischio chimico o investimenti connessi alla movimentazione manuale dei carichi.

Ogni impresa può presentare un solo progetto, per una sola unità produttiva, su tutto il territorio nazionale, riguardante un unico rischio.

Gli investimenti devono essere avviati non prima del 17 giugno 2022

I progetti finanziabili devono prevedere interventi finalizzati alla riduzione o eliminazione di rischi presenti in azienda e rilevabili dal DVR (con alcune eccezioni come ad esempio la rimozione dell’amianto o la sostituzione di macchinari obsoleti).

Spese escluse: sono previste alcune esclusioni tra cui beni acquisiti mediante leasing – Acquisto di beni usati – Bonifica amianto su immobili ove l’impresa richiedente non svolga l’attività

Entità e forma dell’agevolazione

Il contributo erogato in conto capitale, calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’Iva, può coprire fino al 65% delle spese sostenute, con un tetto massimo di 130mila euro per i progetti ammessi che rientrano nei primi tre assi di finanziamento (minimo 5.000) e di 50mila euro per quelli del quarto asse (minimo 2.000).

Per l’Asse 5 il finanziamento è concesso nella misura del 40% per la generalità delle imprese agricole (sub Asse 5.1) e 50% per giovani agricoltori (sub Asse 5.2) con un tetto massimo di 60.000,00 euro (minimo 1.000)

Scadenze
  1. Prima fase (caricamento dati e simulazione punteggio) dal 2 maggio 2022 e fino alle ore 18 del 16 giugno 2022
  2. Seconda fase – click day da definire (successiva al 12 settembre 2022)
  3. Terza fase – invio documenti (in caso di superamento del click day)
  4. Ammissione – 120 giorni da completamento terza fase
  5. Realizzazione – 365 giorni da ammissione (eventualmente prorogabile di 6 mesi)

CNA, attraverso Sintesis, è a disposizione degli interessati per la predisposizione delle pratiche.
Per chiarimenti e/o il supporto necessario all’istruttoria della domanda è possibile contattare Nicola Ciampi allo 0586815245 oppure via mail all’indirizzo nicola.ciampi@sintesis.toscana.it