Gioielleria: iscrizioni per Watch & Jewellery Middle East Show 2022

Aperte le adesioni alla fiera di gioielleria degli Emirati Arabi Uniti 

Il Watch & Jewellery Middle East Show, organizzato presso il Centro Espositivo dell’Emirato Arabo di Sharjah, è il primo ed il più consolidato evento del Medio Oriente dedicato alla gioielleria, oreficeria e orologeria; dal 22 al 26 Marzo 2022 si presenta per la sua 49a edizione forte dell’impegno degli  organizzatori per confermare la leadership tra le fiere di settore negli Emirati Arabi Uniti.

La fiera, visitata da operatori di settore, VIP, consumatori finali provenienti non solo dagli Emirati Arabi ma da tutta l’Area del Golfo, dall’India, dal Pakistan, dalla Russia e dall’Uzbekistan, è la piattaforma ideale per affrontare con successo una delle aree geografiche più interessanti per il settore dei preziosi.

Il Wacth & Jewellery Middle East Show ha registrato, nella sua ultima edizione, 60.000 visitatori, inclusi 2.000 buyer professionali da 37 Paesi diversi e più di 350 aziende espositrici.

Tipologie produttive ammesse: gioielleria, oreficeria, pietre preziose, perle, orologeria, astucci ed espositori per la gioielleria.

Scadenza invio domanda di partecipazione: 28 Gennaio 2022.

SCARICA LA CIRCOLARE INFORMATIVA CON LA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

Timeless: il fashion film che celebra Firenze e il suo artigianato

CNA Federmoda Firenze, con il contributo del Comune di Firenze, ha realizzato il cortometraggio “Timeless”, per accendere i riflettori sia sulla ricchezza di competenze della filiera della moda fiorentina ed italiana che spesso resta dietro le quinte dei grandi brand, che sulla città che, da sempre, lo ispira.

Un progetto nato dagli artigiani per gli artigiani, una nuova forma di comunicazione per promuovere l’artigianato, ma anche per avvicinare i giovani ai mestieri della filiera moda.

Un fashion film che racconta, in maniera evocativa, la centralità dell’artigianato nell’ambito della produzione di accessori e capi di abbigliamento, esaltando l’unicità e autenticità del prodotto artigianale fiorentino come una delle massime espressioni del Made in Italy nel mondo.

Protagonisti l’artigianato, il genio creativo degli artigiani e la città di Firenze, raccontati attraverso la personale Recherche di una ragazza che, muovendosi tra le vie e i giardini della città, si imbatte nelle creazioni del Genio per trovarsi, infine, al cospetto della Musa che tutto ispira: Firenze.

Un messaggio senza tempo, perché tali sono la bellezza della città e quella del suo artigianato ed un appello, indiretto, a prendere le distanze dalla “fast fashion”, privilegiando i capi di qualità e originalità a quelli usa e getta, con acquisti, finalmente, consapevoli.

Come Presidente di CNA Federmoda Toscana – conclude Bruno Tommassini – non posso che essere orgoglioso di questo progetto con l’auspicio che le emozioni che suscita nel guardarlo rendano più consapevole il consumatore finale e sensibilizzino il governo regionale e nazionale a tutelare questo patrimonio immateriale che è la filiera moda toscana.

L’invito di CNA: acquistate la qualità e unicità del Made in Italy

Nuovi contributi a favore dell’artigianato artistico. Come fare richiesta, entro il 30 aprile.

AGGIORNAMENTO del 22/04/2021

A seguito di una FAQ pubblicata dalla Regione Toscana il Bando Artigianato artistico ha avuto un’importantissima variazione (purtroppo in peggio): nello specifico il calcolo per l’accesso al contributo non si basa sul fatturato ma sui corrispettivi 2019/2020 ed è lì che vi deve essere un calo del 30% per poter accedere.

I richiedenti possono presentare istanza di accesso al contributo solo a condizione che l’ammontare dei corrispettivi dal 1 gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 sia inferiore di almeno il 30,00% rispetto all’ammontare dei corrispettivi realizzati nel periodo dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019.

Nel caso di imprese i cui ricavi sono soggetti a fatturazione (e non ad emissione di corrispettivi) si avrà riguardo al calo del solo fatturato relativo a clienti persone fisiche.

_____________________________________________

La Regione Toscana, a seguito dell’emergenza epidemiologica “Covid 19”, ha previsto l’erogazione di un contributo a fondo perduto per le micro, piccole e medie imprese, la cui sede principale, o almeno l’unità locale sia ubicata nel territorio regionale, iscritte in Camera di Commercio e con annotazione nell’Albo provinciale imprese artigiane.
L’aiuto sarà concesso nella forma di contributo a fondo perduto per l’importo di €2.500,00 per ciascun beneficiario, e sarà cumulabile con altre agevolazioni concesse. L’erogazione sarà corrisposta in un’unica soluzione mediante accredito diretto sul cc bancario o postale.

Altri requisiti fondamentali da soddisfare, pena l’inammissibilità al contributo, sono:
– un calo dei corrispettivi del 30% registrato dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020, rispetto ai corrispettivi      realizzati dal 1 gennaio al 31 dicembre 2019
– per aziende costituite nel corso del 2020, il contributo spettante è riproporzionato rispetto agli effettivi    mesi di operatività
– risultare in regola con il DURC
– non trovarsi in corso di procedure previste dalla Legge Fallimentare
– non essere oggetto nei 3 anni precedenti di provvedimenti amministrativi connessi ad atti di revoca          adottati dalla Regione Toscana
– possedere capacità di contrarre con la Pubblica Amministrazione
– non essere destinatario di sentenze di condanna per illeciti amministrativi
– non aver riportato nei 5 anni precedenti condanne penali, risultanti dal Casellario Giudiziale
– rispettare le norme in materia di lavoro nero e sommerso
– essere in regola con le disposizioni in materia di aiuti (ex. Art. 107)
– essere impresa attiva
– rispettare le direttive sul cumulo

L’elenco dei destinatari del bando è consultabile al link in fondo alla pagina.

Fanno eccezione i seguenti codici ATECO:
– tutti i codici appartenetti alla divisione 10 e 11
– 74.20.19 – altre attività di riprese fotografiche
– 96.02 – servizi di parrucchieri e di altri trattamenti estetici

La domanda potrà essere presentata entro le ore 17,00 del 30 aprile, esclusivamente dal legale rappresentate, la cui titolarità verrà riscontrata tramite visura camerale.

Per informazioni ed assistenza sulle pratiche è possibile rivolgersi agli uffici CNA, ai numeri 0586/267111 (selezionando l’opzione 4) o 0586/267104, oppure via mail all’indirizzo: credito@cnalivorno.it

Delibera_n.318_del_29-03-2021 allegato 1

siae

SIAE, prorogata la scadenza al 17 aprile

In virtù dell’emergenza CORONAVIRUS è stata prorogata al 17 aprile la scadenza per gli adempimenti verso gli enti ai quali le normative assegnano il diritto di esigere compensi per la diffusione di musica d’ambiente nei luoghi di lavoro. L’impresa che intende attivare un servizio di musica d’ambiente nel proprio locale, dovrà rivolgersi preventivamente alla struttura SIAE competente per il territorio (Sede, Filiale, Agenzia) per stipulare l’abbonamento per la musica d’ambiente, sulla base di tariffe che, prevedono sconti per gli Associati CNA. Oltre all’obbligo di pagamento del compenso per i diritti spettanti alla SIAE, dovuti all’autore della composizione e all’editore del brano, dovrà provvedere anche al pagamento del compenso per i diritti fonografici (diritti connessi discografici o compenso SCF), ovvero quei diritti dovuti al produttore fonografico (casa discografica/etichetta) per la registrazione discografica, ossia l’incisione su supporto dell’opera musicale. Anche in questo caso, la tessera CNA consente di beneficiare di sconti sulle tariffe previste.

SIAE
Il principio impositivo SIAE si basa sulla diffusione di musica d’ambiente nei luoghi di lavoro, anche non aperti al pubblico.
In caso di nuova attivazione: è necessario rivolgersi all’ufficio SIAE competente per territorio.
In caso di rinnovo: le aziende già in possesso di licenza devono attendere l’invio del bollettino di versamento da parte di SIAE.
Convenzione SIAE: Le aziende associate a CNA, presentando un documento che certifichi l’adesione, possono usufruire della convenzione che permette una riduzione del 25% per musica d’ambiente e per attesa telefonica, 40% su automezzi pubblici e 10% per trattenimenti musicali senza ballo.
La Siae ha provveduto ad inviare innanzitutto via Pec, poi tramite posta elettronica ordinaria, o, in assenza, tramite lettera, il MAV per il pagamento, già scontato per chi ha pagato nel 2019 entro i termini stabiliti. Chi non ha rispettato questi termini ha invece perso il diritto allo sconto. La scadenza per il pagamento è stata prorogata al 17 aprile 2020. Chi non avesse ancora ricevuto il Mav, può richiederlo direttamente agli Uffici Siae competenti per territorio. I nuovi associati, per ottenere lo sconto, devono anche presentare una dichiarazione di appartenenza alla CNA rilasciata dalle sedi dell’Associazione.

SCF
L’obbligo di corrispondere i diritti SCF (fonografici) è stato sancito con una sentenza della Cassazione del 2010. In caso di nuova attivazione, è possibile scegliere tra due modalità, alternative tra loro:

1) LICENZA: tale modalità di adesione è valida per chi non abbia mai sottoscritto una licenza SCF. In questo caso sarà necessario:

  • stampare l’apposito modulo;
  • compilarlo in tutti i campi richiesti;
  • sottoscriverlo e timbrarlo nei due appositi spazi;
  • inviarlo agli uffici di SCF tramite posta ordinaria (SCF – Via Leone XIII, 14 – 20145 Milano, c.a. Ufficio Commerciale), fax: 02/46547576, e- mail: campagna@scfitalia.it o PEC scfcommerciale@pec.it.

A fronte della ricezione del documento, SCF provvederà ad emettere ed inviare via PEC relativa fattura ai fini del pagamento.

2) SERVIZI ONLINE: tale modalità di adesione è valida per chi non abbia mai sottoscritto una licenza SCF. L’Esercente avrà la possibilità di registrare la propria società e, dopo aver preso visione del preventivo formulato in base ai dati inseriti, scegliere se pagare direttamente con carta di credito/carta prepagata PayPal® oppure scaricare in formato PDF un bollettino freccia bancario precompilato, utilizzabile presso qualsiasi sportello bancario.

In caso di rinnovo: le aziende già in possesso di licenza devono attendere l’invio del bollettino di versamento da parte di SCF.
Convenzione SCF: Le aziende associate CNA, presentando un documento che certifichi l’adesione, possono usufruire della convenzione che permette una riduzione del 15%.

Il termine previsto per il pagamento SCF è il 29 febbraio 2020.

Solo per ACCONCIATORI, ESTETISTI, ARTIGIANI DEL BENESSERE: SCF affida a SIAE la riscossione dei compensi per i diritti connessi, inviando direttamente alle aziende appositi bollettini MAV con gli importi da pagare. In caso di nuova attivazione è necessario rivolgersi all’agenzia territorialmente competente. La scadenza è fissata per il 31 Maggio 2020.

DIRITTO D’AUTORE PER L’ATTIVITA’ DI REPROGRAFIA PER I PUNTI DI RIPRODUZIONE
La Legge consente la riproduzione per uso personale di opere dell’ingegno mediante fotocopia, xerocopia o altro sistema analogo nei limiti del 15% di ciascun volume o fascicolo di periodico. Sempre in base alle disposizioni vigenti, gli esercizi che mettano a disposizione dei terzi, anche gratuitamente, apparecchi per fotocopia o xerocopia, devono corrispondere un diritto d’autore qualora intendano consentire la copia di opere protette entro il suddetto limite. CNA ha sottoscritto apposita convenzione con SIAE per l’applicazione del diritto di reprografia. Gli importi sono variabili in funzione del numero di apparecchi utilizzati per questo servizio. In allegato forniamo tabella riepilogativa degli importi dovuti. Qualora l’impresa non effettui la riproduzione di opere protette dal diritto d’autore, dovrà esporre in modo visibile su ogni punto macchina il seguente avviso “in questo esercizio non si effettuano copie di opere dell’ingegno protette dal diritto d’autore”.
Si allegano come di consueto (oltre al modello licenza EC 2020) le tabelle con gli importi dei compensi SIAE-SCF e REPROGRAFIE. Le tariffe SIAE esposte sono lorde e quindi vanno scontate della percentuale di riduzione riservata dalla convenzione CNA. Le tariffe SCF sono già scontate.

2020_SIAE_Tabella-compensi-anno-2020

Coronavirus, le indicazioni igienico sanitarie

Pubblichiamo un cartello con l’indicazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulle prescrizioni igienico sanitarie da seguire per la prevenzione della diffusione del contagio da Coronavirus, come di altri virus analoghi.

Raccomandiamo l’esposizione del cartello in tutti i luoghi di lavoro anche non aperti al pubblico.cartello Coronavirus