NEWS

Bene Jindal, indotto allo stremo. Non abbandoniamo diversificazione

[av_textblock size=” font_color=” color=”]
“La crisi dell’acciaio a Piombino ha colpito durissimo in questi ultimi anni – afferma la coordinatrice di Cna Val di Cornia Alessia Fagioli – soprattutto fra le aziende dell’indotto: prima il calo di lavoro, poi i ritardi nei pagamenti, infine il fermo produttivo senza che molte imprese potessero nemmeno ricorrere agli ammortizzatori sociali. Il nuovo passaggio di mano è quindi sicuramente un potente squarcio di sole ma non possiamo che attendere che dagli accordi si passi alla ripresa del lavoro per tutti. Attenzione però: non fermiamo – conclude Fagioli – la spinta alla diversificazione economica del territorio che la crisi ha per forza di cose avviato; ben venga l’industria e la ripresa a pieno regime della produttività, ma occorre potenziare gli sforzi anche in questa direzione per evitare di tornare a dipendere unicamente dall’acciaio”.
[/av_textblock]

condividi l'articolo su:

Facebook
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche:

Livorno: contributi per innovazione e sviluppo tecnologico

150.000€ per innovazione e start-up Contributi a fondo perduto e premialità anche per imprese giovanili e/o femminili Il Comune di Livorno, tramite un bando pubblicato …

Leggi tutto >
edilizia: necessaria legge per accesso alla professione

Edilizia: necessaria una legge per l’accesso alla professione

Subito una legge per l’accesso alla professione nell’edilizia Sicurezza è priorità. Stop al subappalto infinito ed al massimo ribasso “Non è più rinviabile una legge …

Leggi tutto >
corso di aggiornamento corso primo soccorso B e C piombino

Aggiornamento Primo Soccorso – aprile 24

Si terrà ad aprile 2024 la nuova edizione del corso di aggiornamento per addetti al primo soccorso, a cura di CNA Servizi Formazione, presso la …

Leggi tutto >

Risparmia con
le CONVENZIONI CNA