NEWS

CNA contro l’elevata tassazione locale

[av_textblock size=” font_color=” color=”]
I risultati dell’indagine “Comune che vai Fisco che trovi” non lasciano dubbi: nei comuni di Livorno, Cecina, Piombino e Portoferraio il livello della tassazione sulle imprese è al di sopra della media nazionale, con punte spesso davvero penalizzanti; leggermente meglio Rosignano dove la tassazione assorbe comunque oltre il 60% del reddito d’impresa.

I dati elaborati dall’Osservatorio Nazionale CNA sulla tassazione delle piccole e medie imprese sono stati oggetto dell’iniziativa che si è svolta a Livorno, presentati dal responsabile nazionale delle politiche fiscali Claudio Carpentieri. “Burocrazia e peso delle imposte – ha affermato il presidente territoriale di Cna Maurizio Serini – sono i due principali fattori che stanno frenando le imprese in un mercato del lavoro già di per sé ancora molto critico, e sono due fattori su cui le amministrazioni locali possono fare tanto. Cerchiamo quindi con esse il confronto, quel confronto che in questi ultimi anni con troppi comuni è mancato, perché la amministrazioni lo hanno sostituito con l’informazione sui progetti e sulle cose decise: ma confronto ed informazione con sono assolutamente la stessa cosa e non portano quasi mai nella stessa direzione del bene delle imprese: e fare il bene delle piccole e medie imprese, che rappresentano circa il 90% del tessuto economico del nostro territorio e dell’intero Paese, significa fare il bene comune.

Ed il bene comune dovrebbe essere il vero fine della Politica, quella con la P maiuscola però”.

“Cna ha messo sul tavolo del confronto due strumenti – ha aggiunto il segretario generale Sergio Silvestrini – due indagini condotte scientificamente proprio sugli aspetti della tassazione locale e della burocrazia, evidenziando nel Paese storture, diseguaglianze ed indicando anche i correttivi possibili: siamo una associazione che non si limita a chiedere, ma che analizza e costruttivamente propone. Ci attendiamo quindi di essere ascoltati come è successo in questi giorni con il Governo sull’aumento della deducibilità dell’Imu sui beni strumentali, sull’abolizione del sistri e sulla riduzione dell’Inail, tutte misure chieste da Cna e adesso messe nero su bianco dall’Esecutivo su cui aspettiamo però il via libera definitivo”.

Sulla pagina Facebook Cna Livorno le foto dell’iniziativa.

Scarica l’indagine nazionale completa.

Scarica i dati della provincia di Livorno.
[/av_textblock]

condividi l'articolo su:

Facebook
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche:

Livorno: contributi per innovazione e sviluppo tecnologico

150.000€ per innovazione e start-up Contributi a fondo perduto e premialità anche per imprese giovanili e/o femminili Il Comune di Livorno, tramite un bando pubblicato …

Leggi tutto >
edilizia: necessaria legge per accesso alla professione

Edilizia: necessaria una legge per l’accesso alla professione

Subito una legge per l’accesso alla professione nell’edilizia Sicurezza è priorità. Stop al subappalto infinito ed al massimo ribasso “Non è più rinviabile una legge …

Leggi tutto >
corso di aggiornamento corso primo soccorso B e C piombino

Aggiornamento Primo Soccorso – aprile 24

Si terrà ad aprile 2024 la nuova edizione del corso di aggiornamento per addetti al primo soccorso, a cura di CNA Servizi Formazione, presso la …

Leggi tutto >

Risparmia con
le CONVENZIONI CNA