NEWS

Federmoda, tavolo crisi cuoio: positivi gli impegni del Governatore Giani

Tavolo concia calzature e pelletteria: CNA Federmoda giudica positivi gli impegni del governatore Giani.

Si è tenuto il  21 giugno a Santa Croce sull’Arno il tavolo regionale del settore Cuoio al quale ha partecipato, tra gli altri, anche il Presidente della Giunta regionale toscana Eugenio Giani, insieme agli assessori all’Economia Leonardo Marras e alla Formazione e Istruzione Alessandra Nardini.

Tre gli impegni specifici presi dal Governatore: incontrare rapidamente i Ministeri del Lavoro ed Economia per la concessione di moratorie sui finanziamenti, facilitare l’accesso al credito e per la richiesta degli ammortizzatori sociali, strutturare un confronto con le griffes dopo una mappatura di quelle che operano sul territorio toscano. Per il lungo periodo inoltre Giani ha proposto di rafforzare l’autonomia delle imprese, favorire la creazione di reti fra queste ultime e favorire l’incontro con i centri di ricerca. Inoltre gli assessori Marras e Nardini si sono impegnati per definire misure specifiche per il sostegno dei settori.

“Aver costituito un tavolo che, – afferma Paolo Brogi Presidente del mestiere Pelletteria di CNA Federmoda Toscana – al netto delle griffes, raccoglie tutti i soggetti coinvolti nella filiera, imprese, associazioni, sindacati, istituzioni, pronti a collaborare senza contrasti e conflitti, sintetizza la gravità di questa crisi che, perlomeno per quanto riguarda i settori concia, calzature e pelletteria, sta prendendo sempre più i contorni di un fenomeno strutturale. Già a settembre 2022 era iniziato il rallentamento produttivo, una crisi congiunturale raramente supera i 6-8 mesi. Ad oggi non ci sono segnali di ripresa – prosegue – in quanto le concerie, salvo eccezioni, lavorano 3-4 giorni a settimana mentre dovevano essere nel pieno della produzione, per cui a settembre non ci sarà l’auspicata ripresa produttiva. Per questo motivo la prima richiesta fatta da tutti è quella di fare presto per i provvedimenti straordinari, cassa integrazione e moratorie. E’ necessario pertanto che la filiera della moda riesca a dialogare nella sua interezza per cui, come CNA Federmoda Toscana – conclude Brogi – apprezziamo particolarmente e sosteniamo l’impegno del Governatore Giani di avviare un confronto con le griffes perché la moda è profondamente malata e solo la collaborazione e la volontà di tutti, di investire per un lavoro più equo e sostenibile, la può salvare”.

 

Nella foto Paolo Brogi – presidente regionale del mestiere pelletteria di CNA

condividi l'articolo su:

Facebook
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email

Potrebbe interessarti anche:

Aggiornamento ispettori centri di controllo per revisioni veicoli a motore

La nostra agenzia formativa CNA Servizi Formazione nel mese di ottobre organizza una sessione del corso di formazione obbligatoria per ispettori dei centri di controllo ...
Leggi tutto >
Bollino Rosso

Calura estiva, stop al lavoro nei cantieri edili e nelle cave nei giorni dal bollino rosso

L’ordinanza, che è stata appena firmata dal presidente Eugenio Giani, vieta attività fisiche intense dalle 12.30 alle 16 fino al 31 agosto. Con il caldo ...
Leggi tutto >
in CNA aperte le iscrizioni aa 24/25 a Unipegaso e Unimercatorum

A Livorno in CNA aperte le iscrizioni 24/25 a Unipegaso e Unimercatorum

In crescita studenti lavoratori e neodiplomati: già oltre 350 gli iscritti in sede dal 2020 Alla sede di esami di Livorno dell’università telematica Pegaso, ubicata ...
Leggi tutto >

Risparmia con
le CONVENZIONI CNA