NEWS

No di CNA alle nuove restrizioni sui bonus edilizia

“Basta girare per le strade di Livorno, Cecina, Piombino, Portoferraio e più in generale in tutti i comuni della nostra provincia, per vedere cosa i bonus edilizi ed energetici hanno smosso in termini di lavoro e di riqualificazione, un percorso virtuoso che rischia adesso un brusco calo”. CNA lancia l’allarme sulle negative conseguenze che stanno già causando le nuove restrizioni sui bonus edilizi contenute nel Decreto Sostegni Ter all’art. 28 ed esprime “profonda delusione per l’indisponibilità del Governo a trovare soluzioni diverse per contrastare le frodi, utilizzando tutti gli strumenti per individuare e perseguire i responsabili”: è quanto afferma il presidente provinciale di CNA Costruzioni Gianluca Botta all’indomani della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale delle nuove norme.

“Le nuove pesanti restrizioni all’utilizzo dei bonus edilizi – spiega Botta – stanno provocando il disimpegno degli intermediari nell’acquisto dei crediti di imposta. Una situazione improvvisa e grave, destinata ad imprimere una drastica frenata alla realizzazione dei lavori di riqualificazione e efficientamento energetico degli immobili, penalizzando cittadini e imprese onesti e rallentando la crescita economica e il positivo utilizzo delle risorse del PNRR.”.

“CNA – aggiunge la coordinatrice del settore Ilaria Niccolini – ha chiesto al Parlamento di superare, in sede di conversione, le restrizioni così da assicurare continuità e certezza al meccanismo della cessione e garantire la necessaria stabilità al funzionamento dei bonus. La limitazione alla cessione del credito ridurrà sensibilmente la disponibilità degli intermediari ad acquisire crediti oltre la propria capacità di portarli in compensazione, cui si sommeranno ripercussioni sul versante dei costi delle operazioni. Situazione, quest’ultima, tale da determinare un inevitabile disincentivo all’utilizzo della cessione dei crediti, tenuto conto che cittadini e imprese non avrebbero più elementi di certezza circa il perfezionamento della procedura, con conseguente raffreddamento degli investimenti”. “Ulteriore risvolto negativo – conclude il presidente Botta – sarà un inevitabile meccanismo selettivo applicato dagli intermediari a scapito dei soggetti di minori dimensioni che, come nel caso di artigiani e piccole imprese, hanno una ridotta forza contrattuale. Con ciò, alterando di fatto la concorrenza tra gli operatori assicurata, invece, dall’attuale impianto”.

condividi l'articolo su:

Facebook
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email

Potrebbe interessarti anche:

CNA e APEO firmano un accordo per trattamenti su soggetti oncologici

Estetiste, firmato l’accordo con Apeo per trattamenti su soggetti oncologici “Un accordo importante quello firmato oggi tra CNA Estetiste e Apeo che pone l’accento sul fatto che l’esecuzione di ...
Leggi tutto >

Decreto Salva Casa

Il Decreto Salva Casa, approvato dal Consiglio dei Ministri il 24 maggio 2024 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 29 maggio 2024 come decreto-legge 69/2024, ...
Leggi tutto >
corso base sicurezza lavoratori CNA Livorno luglio 24

Corso base sicurezza lavoratori – luglio 2024

Si aprono le iscrizioni al nuovo corso base sicurezza lavoratori Si terrà a fine luglio 2024 la nuova sessione dei corsi, a cura della nostra ...
Leggi tutto >

Risparmia con
le CONVENZIONI CNA