cropped-1.png

NEWS

Tirocini formativi finanziati: approvata la nuova disciplina dalla Regione Toscana

[av_image src=’https://www.cnalivorno.it/wp-content/uploads/2017/02/tirocini-regione-toscana1.jpg’ attachment=’3780′ attachment_size=’full’ align=’left’ styling=” hover=” link=” target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image]

[av_hr class=’invisible’ height=’10’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-thin’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’30px’ custom_margin_bottom=’30px’ icon_select=’yes’ custom_icon_color=” icon=’ue808′ font=’entypo-fontello’]

[av_heading tag=’h3′ padding=’10’ heading=’

Tirocini formativi finanziati: nuova disciplina dalla Regione

‘ color=” style=” custom_font=” size=” subheading_active=” subheading_size=’15’ custom_class=”][/av_heading]

[av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=” mobile_display=”]
[av_textblock size=” font_color=” color=”]

Il tirocinio formativo è un’ottima opportunità per soggetti disoccupati e imprese per sperimentare insieme un percorso di formazione-lavoro.

La Regione ha emanato la nuova disciplina per la gestione dei tirocini non curriculari.

Potranno beneficiarne le imprese con almeno un dipendente a tempo indeterminato (salvo le imprese dell’artigianato artistico e tradizionale che potranno attivare tirocini anche senza dipendenti). nell’ambito di ogni tirocini l’imprese deve riconoscere  al tirocinante

Requisiti e diritti dei  tirocinanti :

–  devono avere un’ età compresa tra i 18 e 29 anni (30 ancora non compiuti) alla data di inizio del tirocinio

–  devono essere residenti o domiciliati in Toscana

–  non devono essere occupati

– devono ricevere un rimborso spese forfettario di almeno 500 euro/mese dall’impresa ospitante.

 

Potrà essere richiesto il contributo, a copertura totale o parziale del rimborso, nel caso di:

 

1)     Tirocini attivati entro 12 mesi dalla data di superamento con esito positivo dell’esame finale per il conseguimento di uno dei seguenti titoli di studio:

– attestato di qualifica professionale triennale o diploma quadriennale in esito ai percorsi IeFP

– attestato di qualifica professionale

– diploma di istruzione secondaria di secondo grado, in assenza di iscrizione a percorsi per il conseguimento della Laurea o percorsi IFTS o a percorsi ITS

– certificato IFTS o diploma ITS

– laurea o altri titoli post Laurea

 

2)    Tirocini attivati anche in assenza del requisito sopra indicato del conseguimento del titolo entro 12 mesi, nel caso di tirocinanti residenti o domiciliati nelle aree di crisi individuate dalla DGR n. 199/2015 (Piombino, Campiglia M.ma, Suvereto, Sassetta, S. Vincenzo,Rosignano, Collesalvetti, Livornoesclusi gli altri comuni della provincia)

 

Pertanto, i tirocini attivati per destinatari che non rientrino in una delle due tipologie sopra indicate, non saranno ammissibili al contributo.

  

Il contributo ottenibile dall’impresa è di:

– € 300 per i giovani in possesso dei requisiti indicati nei 2 punti precedenti

– € 500 per tirocini svolti da giovani disabili o svantaggiati (art. 17 ter comma 8 LR 32/02)

– € 500 per i tirocini svolti dai giovani presso un soggetto  ospitante operante nei settori dell’artigianato artistico e tradizionale, ovvero che:

a)      risulti iscritto all’albo delle imprese artigiane del Registro delle imprese della Camera di Commercio

b)     abbia un numero di dipendenti a tempo indeterminato compreso tra zero e quindici

c)      operi nei settori delle lavorazioni artistiche e tradizionali con codice ATECO principale rientrante tra quelli indicati nell’allegato 1 della DGR 964/2014.

 

[/av_textblock]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

Le imprese interessate ad approfondire la fattibilità e conoscere  il contributo ottenibile possono rivolgersi a Angela Bertolotto tel 0586-267553 mail angela.bertolotto@cnalivorno.it

Le imprese amministrate da CNA possono anche rivolgersi ai referenti CNA di zona:

Alessandra Gualtieri per l’area di Livorno tel 0586-267215

Alessandra Agostini per l’area Bassa Val di Cecina tel 0586-682800

Luisa Ulivi per l’area Val di Cornia 0565-222022

Monica D’Amato per l’area Elba 0565917485.

[/av_textblock]
[/av_one_full]

condividi l'articolo su:

Facebook
LinkedIn
Telegram
WhatsApp
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche:

Contributo a fondo perduto per ristoranti, bar, piscine e catering

L’articolo 1, comma 2bis del DL sostegni-bis ha previsto un contributo a fondo perduto a favore delle imprese operanti in settori particolarmente danneggiati dall’emergenza epidemiologica …

Leggi tutto >

Comunicazione chiusura uffici 09/12

Avvisiamo che venerdì 9 dicembre tutti i nostri uffici saranno chiusi. Qualora aveste delle urgenze, vi preghiamo di contattarci quanto prima. Torneremo operativi lunedì 12 …

Leggi tutto >

Alla Wonder la menzione inclusività del Premio Cambiamenti regionale CNA

La cooperativa sociale Wonder di Livorno ha ricevuto la menzione speciale per la sezione inclusività alla finale regionale del Premio Cambiamenti di CNA, svoltasi a …

Leggi tutto >

Risparmia con
le CONVENZIONI CNA